SafetyExpo 2018
SCADENZE
Impianti di incenerimento rifiuti: i dati del Modello entro il 31 ottobre
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Tutela ambientale
Impianti di incenerimento rifiuti: i dati del Modello entro il 31 ottobre Il Comitato Kyoto ha pubblicato la Delibera 21/2013 con la quale è stato approvato il Modello per la Comunicazione dei dati sull'incenerimento dei rifiuti.La Delibera 21/2013 è stata emanata ai sensi dell'articolo 2 del D.Lgs. 13 marzo 2013 n.30, il decreto che, in attuazione della Direttiva 2003/87, perfeziona ed estende il sistema comunitario per lo scambio di emissioni di gas serra.

Il Modello deve contenere i dati previsti nell'articolo 2 del D.Lgs. 30/2013. I gestori degli impianti di incenerimento di potenza superiore a 20MWt devono comunicarlo entro le ore 12.00 del 31 ottobre 2013 per posta elettronica, scegliendo quale riferimento l'anno 2011 o 2012, e corredandolo con l'Attestato di verifica rilasciato da un verificatore accreditato (le modalità di trasmissione d il contenuto dell'Attestato di verifica sono dettagliatamente previsti all'articolo 2 della delibera n.21/2013.).

La comunicazione del Modello deve avvenire ogni anno, e va rinnovata nei contenuti ad ogni rinnovo del provvedimento di Autorizzazione Integrata Ambientale dell'impianto .
Il Comitato verificherà le cause di esclusione degli impianti, previste all'articolo 2 co 2 del D.Lgs.30/2013: se l'impianto non risulta in possesso dell'autorizzazione ad emettere gas ad effetto serra, il gestore è tenuto a presentare domanda di autorizzazione, entro 30 gg dal ricevimento della notifica da parte del Comitato.

In allegato la Delibera 21/2013 ed il relativo Modello per la comunicazione dei dati sull'incenerimento dei Rifiuti

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.sviluppoeconomico.gov.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: