Safety Expo 2019
 Tutela Ambientale
 IN GAZZETTA
Illeciti ambientali: istituita la Commissione parlamentare di Inchiesta
16 gennaio 2014
fonte: 
area: Tutela ambientale
Illeciti ambientali: istituita la Commissione parlamentare di Inchiesta In Gazzetta n.11 del 15-1-2014 è stata pubblicata la Legge 7 gennaio 2014, n. 1 (in vigore dal 30 gennaio 2014) che istituisce una "Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati".

I compiti della Commissione

La Commissione (rinnovabile dopo il primo biennio di attività) è composta di quindici senatori e di quindici deputati avrà il compito di:

• svolgere indagini atte a fare luce sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, sulle organizzazioni in esse coinvolte o ad esse comunque collegate, sui loro assetti societari e sul ruolo svolto dalla criminalità organizzata;
• individuare le connessioni tra le attività illecite nel settore dei rifiuti e altre attività economiche, con particolare riguardo al traffico dei rifiuti all'interno dei territori comunali e provinciali, tra le diverse regioni del Paese e verso altre nazioni;
• individuare le specifiche attività illecite connesse al traffico illecito transfrontaliero dei rifiuti, con particolare riferimento a quelle concernenti i rifiuti, anche pericolosi, in partenza dai porti marittimi con destinazioni estere e, contestualmente, svolgere indagini, in collaborazione con le autorità di inchiesta dei Paesi destinatari dei rifiuti, per individuare attività volte a immettere nel mercato nazionale beni e prodotti, realizzati attraverso processi di riciclo di materie prime secondarie ottenute dai rifiuti, che non rispondono alle caratteristiche merceologiche e sanitarie previste dalla normativa nazionale;
• verificare l'eventuale sussistenza di comportamenti illeciti da parte della pubblica amministrazione centrale e periferica e dei soggetti pubblici o privati operanti nella gestione del ciclo dei rifiuti, anche in riferimento alle modalità di gestione dei servizi di smaltimento da parte degli enti locali e ai relativi sistemi di affidamento;
• verificare l'eventuale sussistenza di attività illecite relative ai siti inquinati nel territorio nazionale e alle attività di bonifica, nonché alla gestione dei rifiuti radioattivi;
• verificare la sussistenza di attività illecite relative alla gestione degli impianti di depurazione delle acque nonché alla gestione dello smaltimento dei fanghi e dei reflui provenienti da tali impianti;
• verificare la corretta attuazione della normativa vigente in materia di gestione dei rifiuti pericolosi e della loro puntuale e precisa caratterizzazione e classificazione e svolgere indagini atte ad accertare eventuali attività illecite connesse a tale gestione.

Poteri e funzionamento

Fra i poteri della Commissione riconosciuti nella legge (art. 4) anche quello di "ottenere copie di atti e documenti relativi a procedimenti e inchieste in corso presso l'autorità giudiziaria o altri organi inquirenti, nonché copie di atti e documenti relativi a indagini e inchieste parlamentari, anche se coperti dal segreto", mantenendo in quest'ultimo caso il regime di segretezza. L'obbligo di segretezza è regolato all'articolo 5 con riferimento agli atti di inchiesta di cui i componenti della Commissione o il personale addetto venga a conoscenza.

Nell'articolo 6 si riferisce che l'attività e il funzionamento sono disciplinati da un regolamento interno, approvato dalla Commissione stessa prima dell'inizio dei lavori. La Commissione può organizzare i propri lavori anche attraverso uno o più comitati e riunirsi in seduta segreta, e potrà avvalersi di tutte le collaborazioni, che ritenga necessarie, di soggetti interni ed esterni all'amministrazione.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!