Norme tecniche per le Costruzioni 2018
IN GAZZETTA
HORIZON: dal MISE modifiche alle percentuali di garanzia sul Fondo Crescita
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Tutela ambientale
HORIZON: dal MISE modifiche alle percentuali di garanzia sul Fondo Crescita Il MISE, con Decreto 6 marzo 2015, porta al 2,7% la quota che il Ministero può trattenere dall'ammontare dell'anticipazione di garanzia, dovuta dalle PMI che intendano accedere alle agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile



Il MISE con Decreto 6 marzo 2015 modifica i termini e le modalità per la azione delle domande per l'accesso alle agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile a favore di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale in ambito Horizon 2020. In particolare, è stata portata dal 2% al 2,7 % la quota che il Ministero può trattenere dall'ammontare dell'anticipazione dovuta a garanzia e autorizzata dalle piccole e medie imprese che intendono accedere alle agevolazioni.

Con decreto direttoriale 5 luglio 2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 179 del 4 agosto 2014 sono stati individuati i termini e le modalità di presentazione delle domande per l'accesso alle agevolazioni, nonché le condizioni, i punteggi e le soglie minime per la valutazione delle domande per l'accesso alle agevolazioni del Fondo a favore di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale in ambito Horizon 2020.
Con l'art. 4, comma 1, lettera c) si prevede che le piccole e medie imprese che intendono accedere alla suddetta garanzia autorizzano il Ministero a trattenere dall'ammontare dell'anticipazione richiesta una quota pari al 2 per cento dell'anticipazione medesima.

La nuova Metodologia di calcolo
Tuttavia, ricorda il MISE, prima con decreto direttoriale 3 novembre 2014, fu approvata la convenzione stipulata in data 29 ottobre 2014 tra il Ministero dello sviluppo economico e Banca del Mezzogiorno-Mediocredito, il cui articolo 4 prevedeva che il Soggetto gestore avrebbe fornito supporto al Ministero per la predisposizione di una Metodologia finalizzata alla determinazione della misura del contributo da richiedere alle imprese per l'accesso allo strumento di garanzia a valere sul Fondo per la crescita sostenibile. Tale Metodologia è stata poi redatta con una Relazione trasmessa in nota n. 1353/15 del 13 febbraio 2015, in base alla quale la quota a carico delle imprese di piccole e medie dimensioni per accedere alla garanzia del fondo deve essere correlata al rischio di insolvenza complessivo a carico del fondo stesso e pertanto, la quota congrua doveva essere compresa tra un minimo del 2,7 per cento e un massimo del 3 per cento dell'importo dell'anticipazione richiesta da trattenere dall'anticipazione medesima.
Risultava dunque necessario modificare l'art. 4, comma 1, lettera c), del decreto direttoriale 25 luglio 2014 adeguando l'indicazione della quota minima da trattenere dal 2% al 2,7% in ottemperanza della Metodologia approvata dal MISE.

Riferimenti normativi:
DECRETO 6 marzo 2015 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
Modifica del decreto 25 luglio 2014, recante i termini e le modalita' di presentazione delle domande per l'accesso alle agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile a favore di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale negli ambiti tecnologici individuati dal programma «Horizon 2020.».

(GU Serie Generale n.64 del 18-3-2015)

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: