LA SENTENZA

Fanghi da lavaggio di inerti di cava: qualificazione come rifiuti

29 aprile 2016
Redazione InSic

I fanghi derivanti dal lavaggio di inerti provenienti dalla coltivazione di una cava non sono rifiuti solo quando essi rimangono entro il ciclo produttivo dell'estrazione e della connessa pulitura, mentre nel caso in cui gli stessi siano sottoposti ad una successiva e diversa attività di lavorazione devono essere considerati alla stregua di rifiuti; è il principio espresso dalla Cassazione penale nella sentenza n. 49985 del 18/12/2015.

Nel caso in esame, al fine di ottenere una più rapida chiarificazione delle acque di lavaggio degli inerti, l'imputato, responsabile di un impianto di cava, disponeva che esse fossero addizionate e miscelate con prodotti, cosiddetti flocculanti, consistenti in reagenti chimici aventi la capacità di catalizzare il processo di aggregazione dei materiali in sospensione e determinarne la precipitazione nel fluido che li contiene, onde consentirne la più agevole e rapida separazione fisica dal medesimo.
Un tale procedimento, esulando sia dalla attività di estrazione e lavorazione degli inerti che dalla connessa loro pulitura, non può ritenersi ricadente nell'ambito del ciclo produttivo della cava, appartenendo, invece, ad una successiva fase volta al più agevole e rapido smaltimento dei residui di lavorazione. Né la qualifica di «rifiuti» può essere superata, eccependo, come fatto dall'imputato, che si trattava comunque di «sottoprodotti», posto che non è stata provata l'esistenza concreta ed attuale di una successiva legittima riutilizzazione degli stessi (elemento indispensabile).

La sentenza è disponibile sulla nostra Banca dati Sicuromnia, di cui è possibile richiedere una settimana di accesso gratuito

Per ABBONARSI

CLICCA QUI per il modulo FAX da inviare allo 0633111043



Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  

Potrebbe interessarti anche

Riempimento di cave: quale normativa applicabile?
Inquinamento Acque: gli inerti di cava sono reflui industriali?