Tutela Ambientale
 DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Decreto del Fare e del Suolo, le semplificazioni del Governo Letta
18 giugno 2013
fonte: 
area: Tutela ambientale
Decreto del Fare e del Suolo, le semplificazioni del Governo Letta Il Governo Letta ha prodotto contestualmente due distinti atti in materia di tutela ambientale: si tratta del cosiddetto "Decreto del Fare" in cui sono ricomprese diverse misure in materia edile,fiscale, ambientale e per la Pubblica Amministrazione, ed il Decreto del Suolo, finalizzato al contenimento del consumo di suolo, alla valorizzazione del suolo non edificato, e alla valorizzazione del suolo come risorsa da tutelare anche ai fini di mitigazione prevenzione del rischio idrogeologico.

Le semplificazioni del Decreto del Fare

Il Decreto del Fare, annunciato dal Governo nei giorni scorsi è prossimo alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Nell'attesa il Governo ha diffuso i contenuti principali del provvedimento e le semplificazioni in oggetto.
Fra i capitoli che riguardano l'ambiente si segnalano le disposizioni per
Gestione delle acque sotterranee: le nuove disposizioni di semplificazione in materia di gestione delle acque di falda sotterranee estratte per fini di bonifica o messa in sicurezza dei siti contaminati (Art. 243 del D.lgs. 152/2006) riducono gli oneri a carico degli operatori interessati e accelerano le procedure amministrative relative agli interventi. Senza incidere sulle garanzie di tutela delle risorse ambientali, le nuove norme sono studiate per favorire la crescita delle attività economiche interessate.
Terre e rocce di scavo: le disposizioni in materia di terre e rocce da scavo sono volte a semplificarne l'utilizzo, chiarendo i casi in cui è necessario il ricorso alle procedure di cui al DM n. 161/2012, contenente, tra l'altro, i criteri qualitativi che terre e rocce da scavo devono soddisfare per essere considerate sottoprodotti e non rifiuti.
Materiali di riporto: viene semplificata la disciplina dei materiali di riporto di cui al D.L. 2/2012, convertito con modificazioni dalla L. 28/2012 (Misure straordinarie e urgenti in materia ambientale). Le nuove disposizioni chiariscono la definizione delle matrici materiali di riporto, specificandone la composizione, e prevede inoltre che le stesse siano soggette a test di cessione affinché possano essere considerate come sottoprodotti o rimosse dal luogo di scavo.
• Interventi di adeguamento del sistema dei rifiuti nella Regione Campania: si predispone uno strumento per l'accelerazione delle procedure di competenza degli Enti locali per la realizzazione e l'avvio della gestione degli impianti di gestione dei rifiuti nella Regione Campania, già previsti dalla normativa e dalla pianificazione vigente ma non ancora realizzati. Tale accelerazione è dettata anche dall'esigenza di evitare una possibile condanna dell'Italia nella procedura di infrazione 2007/2195, che si preventiva nell'ordine di 8 milioni di euro giornalieri, oltre alla perdita di un ingente finanziamento comunitario stanziato per la problematica dei rifiuti nella Regione Campania. A tali fini, è stato previsto il ricorso alla nomina di commissari nominati dal Ministro dell'Ambiente che effettuino gli interventi necessari in caso di inadempienza degli enti competenti in via ordinaria, al pari di quanto già previsto nella Legge di Stabilità 2013 con riguardo al Commissario per le emergenze rifiuti urbani in Provincia di Roma.

Il ddl sul suolo

Inoltre, il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta dei Ministri delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Nunzia De Girolamo, per i Beni e le Attività Culturali, Massimo Bray, dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Andrea Orlando, e delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, un disegno di legge, che verrà sottoposto al parere della Conferenza unificata, per il contenimento del consumo del suolo ed il riuso del suolo edificato. L'intervento normativo è finalizzato al contenimento del consumo di suolo, alla valorizzazione del suolo non edificato, alla promozione dell'attività agricola che sullo stesso si svolge o potrebbe svolgersi, nonché alla valorizzazione del suolo come risorsa da tutelare anche ai fini di mitigazione prevenzione del rischio idrogeologico. La salvaguardia della destinazione agricola dei suoli e la conservazione della relativa vocazione naturalistica rappresentano, infatti, un obiettivo di primaria importanza, soprattutto alla luce dei dati statistici acquisiti, dai quali risulta la progressiva «cementificazione» della superficie agricola nazionale.
Uno degli obiettivi prioritari del provvedimento consiste nella previsione del riuso e della rigenerazione edilizia del suolo edificato rispetto all'ulteriore consumo di suolo. In sostanza, il complessivo scopo finale della legge è quello di impedire che il suolo venga eccessivamente "eroso" e "consumato" dall'urbanizzazione e al contempo promuovere e sostenere il riuso e la rigenerazione di aree già interessate da processi di edificazione.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.governo.it 
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic