Norme tecniche per le Costruzioni 2018
ATTI IN ARRIVO
DPR Terre e rocce da scavo: le controdeduzioni del Ministero Ambiente
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Tutela ambientale
DPR Terre e rocce da scavo: le controdeduzioni del Ministero Ambiente Il sito del ministero dell'Ambiente ha pubblicato le proprie Controdeduzioni alle osservazioni della consultazione pubblica sullo schema di regolamento terre e rocce da scavo, in forma di Tabella, che alleghiamo a fine notizia.

In base all'art. 8 del DL 133/2014 (DL sulla digitalizzazione PA e dissesto idrogeologico, conv in L.11 novembre 2014, n. 164) si prevede infatti l'adozione di un DPR contenente una disciplina semplificata sulla gestione delle terre e rocce da scavo, approvato dal Governo negli ultimi Consigli dei Ministri e sottoposto a consultazione pubblica dal 19 novembre. A seguito di questa il Ministero esprime ora le proprie controdeduzioni alle osservazioni trasmesse all'amministrazione. Le osservazioni non pertinenti alle finalità della consultazione e non rispondenti alle domande formulate, spiega il Ministero, non avrebbero obbligato la stessa a conformarsi alle proposte di modifica in esse contenute.

Le controdeduzioni del Ministero sono esplicitate, per ciascuna domanda, in una tabella a tre colonne che indica:
-la sintesi delle osservazioni formulate raggruppate per categorie omogenee;
-le controdeduzioni del Ministero;
-la discendente riformulazione del testo del provvedimento.

Sono 23 le domande oggetto di confronto e su cui vertono le controdeduzioni: si parte da un giudizio relativo alla chiarezza delle definizioni contenute nel nuovo DPR alla coerenza delle stesse con la normativa europea e la coerenza dei criteri elencanti nell'articolo 4 volti a qualificare le terre e rocce da scavo come sottoprodotti. Le domande 4 e 5 incidono proprio sulle semplificazioni proposte e sulla loro capacità di semplificare realmente il quadro normativo vigente. La domanda 8, per esempio chiede se è utile aver mantenuto una procedura specifica semplificata per l'utilizzo, in situazioni di emergenza (articolo 13), delle terre e rocce da scavo generate nei cantieri di grandi dimensioni (sull'argomento si veda la domanda 11e 12 sulle procedure amministrative per l'utilizzo delle terre e rocce da questi cantieri)
Ulteriori domande riguardano poi la reale portata semplificatoria del prossimo DPR in materia di deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti (domanda 15) e soprattutto il rapporto esistente tra il deposito temporaneo disciplinato dall'articolo 183, del Codice Ambiente e la fattispecie disciplinata dall'articolo 23 dello schema di regolamento (Domanda 16) .Fra le altre domande, segnaliamo la n.19 che riguarda la procedura delineata agli art. 25 e 26 del futuro DPR e sulla capacità di reale semplificazione dell'utilizzo di terre e rocce da scavo nei siti oggetto di bonifica, anche rispetto alle condizioni di utilizzo e delle procedure di caratterizzazione e scavo. Le ultime domande riguardano (domanda 22) l'attuazione dei necessari controlli sulle attività disciplinate dal futuro regolamento e l'abrogazione (domanda n.23) delle norme a seguito dell'approvazione del DPR.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: