PROROGHE

Conversione Milleproroghe: rinvii per conferimenti in discarica e rifiuti in Campania

4 marzo 2013
Redazione Insic

Il DL Milleproroghe (DL 30 dicembre 2013, n. 150 -G.U. n.304 del 30/12/2013) convertito in legge (L. 15 del 27/2/2014) all'articolo 10 apporta ulteriori modifiche in materia ambientale, ed in particolare in materia di rifiuti con PCI inferiore a 13.000 kJ/kg e con riferimento alla gestione dei rifiuti nella Regione Campania ed agli impianti di compostaggio ivi presenti.

Analizziamo pertanto l'articolo 10, (che come già visto, all'articolo 3 bis modifica i termini temporali delle sanzioni SISTRI): nei comma 1,2,3.

Il comma 1 dell'articolo 10 recita:
"1. Il termine di cui all'articolo 6, comma 1, lettera p), del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, e successive modificazioni, come da ultimo prorogato dall'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 14 gennaio 2013, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 1º febbraio 2013, n. 11, è prorogato al 31 dicembre 2014".
Pertanto, non sono ammessi in discarica a partire dal 31 dicembre 2014, i rifiuti con PCI (Potere calorifico inferiore) > 13.000 kJ/kg ad eccezione dei rifiuti provenienti dalla frantumazione degli autoveicoli a fine vita e dei rottami ferrosi per i quali sono autorizzate discariche monodedicate che possono continuare ad operare nei limiti delle capacita' autorizzate alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225

Il comma 2 dell'articolo 10 del DL Milleproroghe convertito, recita:
"2. All'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 14 gennaio 2013, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 1º febbraio 2013, n. 11, le parole: «31 dicembre 2013» sono sostituite dalle seguenti: «30 giugno 2014».
Il DL 1/2013 fa riferimento alla attività di raccolta, di spazzamento e di trasporto dei rifiuti e di smaltimento o recupero inerenti alla raccolta differenziata nella regione Campania, gestite dai Comuni fino e non oltre il 31 dicembre 2013 (termine stabilito dal DL 30 dicembre 2009, n. 195 sull'emergenza in Campania): tale termine viene posticipato al 30 giugno 2014.

Il comma 3 dell'articolo 10 del DL Milleproroghe convertito, recita:
"3. All'articolo 1, comma 3, del decreto-legge 25 gennaio 2012, n. 2, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 28, le parole «31 dicembre 2013» sono sostituite dalle parole «30 giugno 2014".
Anche in questo caso si fa riferimento al DL 30 dicembre 2009, n. 195 sull'Emergenza in Campania che all'art.10 comma 5 dispone che "nelle more del completamento degli impianti di compostaggio nella regione Campania, fino al 31 dicembre 2013, gli impianti di compostaggio in esercizio sul territorio nazionale possono aumentare la propria autorizzata capacità ricettiva e di trattamento sino all'8 per cento. Con la stessa decorrenza cessano gli effetti delle ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri all'uopo adottate".
Ora questo termine viene posticipato al 30 giugno 2014 dal DL Milleproroghe convertito.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 

Potrebbe interessarti anche

Dal Governo un decreto per le emergenze ambientali a Palermo ed in Campania
Conversione Milleproroghe: sanzioni SISTRI, rinvio al 1 gennaio 2015