DALLE ISTITUZIONI
Collegato ambientale: via libera dal Senato, il commento di Galletti
fonte: 
Ministero dell'Ambiente
area: 
Tutela ambientale
Collegato ambientale: via libera dal Senato, il commento di Galletti L'Assemblea di Palazzo Madama ha approvato, con modifiche, con 156 voti favorevoli, 85 contrari e 14 astenuti, il ddl n. 1676, collegato ambientale.
Il testo torna quindi a Montecitorio per un nuovo passaggio parlamentare.






In una nota Il Ministro dell'Ambiente Galletti commenta positivamente l'approvazione: "Il Collegato Ambientale è un provvedimento strategico per l'Italia che guarda con fiducia alla Cop21 di Parigi, sulla strada già tracciata dell'economia circolare. L'ok del Senato al testo ci avvicina a un risultato necessario: avere in tempi brevi l'approvazione definitiva anche alla Camera di un impianto di norme che, dopo un lungo passaggio parlamentare, è in grado di dare energia verde all'Italia".

"Il Collegato - osserva Galletti - interviene con determinazione nel contrasto al dissesto idrogeologico, con il fondo per la progettazione e con oltre 10 milioni di euro ai comuni che vogliono abbattere edifici abusivi costruiti in zone a rischio. Arrivano 35 milioni di euro per la mobilità sostenibile e si affronta il tema degli appalti verdi, con i criteri ambientali minimi cui le pubbliche amministrazioni devono attenersi per gli acquisti".
"Ci sono poi - aggiunge Galletti - nuovi impegni reali sul fronte della bonifica dall'amianto, con oltre 15 milioni in forma di credito d'imposta per le imprese, misure per incrementare la differenziata e per l'accesso all'acqua delle fasce disagiate, oltre a novità come il ‘vuoto a rendere' sperimentale e volontario per un anno e le multe per chi getta mozziconi a terra".

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: