Norme tecniche per le Costruzioni 2018
DICHIARAZIONI
Codice Appalti e ruolo dell'Ambiente: il commento di Galletti
fonte: 
Ministero dell'Ambiente
area: 
Tutela ambientale
Codice Appalti e ruolo dell'Ambiente: il commento di Galletti Il Governo ha annunciato il 3 marzo scorso l'approvazione in esame preliminare, del decreto legislativo sul Nuovo Codice appalti, di attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio 2014, sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori speciali dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché sul riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.
Sul sito del Ministero dell'Ambiente, il Ministro commenta gli aspetti "ambientali" del decreto, in attesa della sua emanazione.

"Nel nuovo codice degli appalti l'ambiente assume una centralità senza precedenti: sono previste procedure più semplici per le emergenze e si riconosce alle prerogative ambientali un ruolo strategico e di garanzia per lo sviluppo sostenibile del Paese". Lo afferma il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, commentando il provvedimento approvato in Consiglio dei Ministri.
"Da oggi - osserva Galletti - la progettazione degli interventi in materia ambientale sarà disciplinata da specifiche linee guida individuate anche con il concerto del ministero dell'Ambiente: questa novità vale sia nei casi in cui l'ambiente costituisca l'oggetto diretto dell'appalto, come ad esempio le bonifiche e la messa in sicurezza, ma anche per le attività in cui il legame con l'ambiente sia indiretto, come la costruzione di edifici, strade o le forniture per gli uffici". "Altra novità - aggiunge il ministro - riguarda i cosiddetti criteri ambientali minimi, già rafforzati con le misure del Collegato Ambientale per gli appalti negli edifici pubblici, che diventano comuni a tutte le stazioni appaltanti".

"Il testo - prosegue Galletti - consente inoltre una procedura negoziata, senza previa pubblicazione del bando, per aggiudicare lavori urgenti di bonifica e messa in sicurezza di siti contaminati, ai sensi della normativa ambientale: una forte accelerazione che consentirà di compiere tempestivamente quegli interventi sul territorio che per loro natura non possono attendere i tempi ordinari, evitando ulteriori danni all'ambiente. Sono certo che il Parlamento potrà dare un ulteriore contributo a tutela dell'ambiente".
"La trasversalità e la specificità della materia ambientale, già presente nella normativa europea - conclude Galletti - diventa dunque una realtà anche in Italia"

FORMAZIONE
Informa organizza a Roma il prossimo 27 maggio il Corso
"Come cambiano gli appalti con il nuovo Codice.
Novità, abrogazioni, regime transitorio
"
con l'obiettivo di analizzare come cambia la disciplina degli appalti pubblici sia con riferimento alle norme self executing delle direttive recepite, che con riferimento agli istituti giuridici per i quali ci sarà la necessità di adozione di provvedimenti governativi o dell'ANAC e pertanto vedono l'adozione di un cd. regime transitorio.

Info e costi:
Tel: 06 33245282
Mail: clienti@epc.it

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: