Norme tecniche per le Costruzioni 2018
LA NORMATIVA
Articoli da imballaggio: modifiche alle tipologie del Codice Ambiente
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Tutela ambientale
Articoli da imballaggio: modifiche alle tipologie del Codice Ambiente In Gazzetta ufficiale (n.136 del 14-6-2014) è stato pubblicato il decreto 22 aprile 2014 (del Ministero dell'Ambiente) che riporta attuazione della direttiva 2013/2/UE (che modifica la direttiva 94/62/CE) in materia di imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

Le modifiche apportate dalla direttiva 2013/2/UE ricadono sul Codice Ambiente, in particolare riguardano il punto 2) dell'allegato E alla parte quarta del Codice Ambiente: vengono sostituiti gli esempi illustrativi per i criteri interpretativi della definizione di imballaggi.

L'Allegato E del Codice Ambiente, infatti, fissa al punto 1) gli "Obiettivi di recupero e di riciclaggio", mentre al Punto 2) i "Criteri interpretativi per la definizione di imballaggio ai sensi della Direttiva 2004/12/CE" che sono riassunti nelle sopracitate lettere i) ii), iii).
Al punto i) si specifica che "Sono considerati imballaggi gli articoli che rientrano nella definizione (di cui alla direttiva 2004/12/CE che rimanda per la definizione ai criteri delle lettere i) ii) e iii)), fatte salve altre possibili funzioni dell'imballaggio, a meno che tali articoli non siano parti integranti di un prodotto e siano necessari per contenere, sostenere o preservare tale prodotto per tutto il suo ciclo di vita e tutti gli elementi siano destinati ad essere utilizzati, consumati o eliminati insieme.

Ai sensi della lettera ii) sono considerati imballaggi gli articoli progettati e destinati ad essere riempiti nel punto vendita e gli elementi usa e getta venduti, riempiti o progettati e destinati ad essere riempiti nel punto vendita, a condizione che svolgano una funzione di imballaggio; mentre, ai sensi della lettera iii)
i componenti dell'imballaggio e gli elementi accessori integrati nell'imballaggio sono considerati parti integranti dello stesso. "Gli elementi accessori direttamente fissati o attaccati al prodotto e che svolgono funzioni di imballaggio sono considerati imballaggio a meno che non siano parte integrante del prodotto e tutti gli elementi siano destinati ad essere consumati o eliminati insieme".

Ora con il decreto 22 aprile 2014 si individuano nuovi "esempi illustrativi" degli imballaggi appartenenti alle tre categorie di cui alle lettere i) ii) e iii)
• i): Articoli considerati imballaggio e non considerati imballaggio;
• ii) Articoli da imballaggio progettati e destinati ad essere riempiti nel punto vendita e Articoli non considerati imballaggio;
• iii) Articoli considerati imballaggio e non considerati imballaggio.

Riferimenti normativi
DECRETO 22 aprile 2014 del MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
Attuazione della direttiva 2013/2/UE della Commissione del 7 febbraio 2013, recante modifica dell'allegato I della direttiva 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.
(GU Serie Generale n.136 del 14-6-2014)

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: