SIEMENS
 Tutela Ambientale
 APPROFONDIMENTO
231 e reati ambientali: quali delitti e quali contravvenzioni considerare?
5 marzo 2020
fonte: 
area: Tutela ambientale
231 e reati ambientali: quali delitti e quali contravvenzioni considerare? La correlazione tra la normativa antinfortunistica (nel D.Lgs. n.81/2008 - Testo unico di Salute e Sicurezza sul Lavoro - TUSL) e la responsabilità da reato degli enti (nel D.Lgs. n.231/2001) costituisce un micro-sistema normativo complesso, ma al contempo ben strutturato. Lo stesso non può affermarsi con riferimento al combinato disposto tra la disciplina in materia ambientale e il D.Lgs. n. 231/2001. Infatti, nessuna norma del tenore di cui agli artt. 2, 30, 16 TUSL si rinviene nel Testo Unico in materia Ambientale, D.Lgs. n. 152/2006.
Ci concentriamo in questa sede sui reati ambientali: come sono entrati nel novero dei reati presupposto della 231? Che differenza c'è fra contravvenzioni e delitti e come vengono distinti in base all'ordinamento penale?


In questo articolo:
I reati ambientali: l'introduzione nel 2011
Reati ambientali: contravvenzioni dolose e colpose
Reati ambientali: delitti dolosi, colposi e preterintenzionali
Approfondisci sulla rivista Ambiente&Sicurezza sul lavoro
Aggiornati con Istituto Informa

I reati ambientali: l'introduzione nel 2011

Il legislatore aveva meditato l'introduzione dei reati ambientali nel catalogo dei reati presupposto di cui al D.Lgs. n. 231/01 già con la legge 29 settembre 2000 n. 300, successivamente espunti. Mentre nel 2007 i delitti di omicidio e lesioni colpose ex artt. 589 e 590 c.p. sono stati fatti rientrare nel catalogo dei reati presupposto del D.Lgs. n. 231/2001, l'inserimento anche dei reati ambientali all'interno del medesimo elenco si è fatto attendere fino al 2011. L'impulso normativo è arrivato dalla direttiva comunitaria 2008/99/CE del 19 novembre 2008 che ha finalmente imposto al legislatore di modificare in tal senso il novero dei reati-catalogo .
L'art. 2 del D.Lgs. n. 121/2011 ha introdotto l'art. 25 undecies del D.Lgs. n. 231/2001 inserendo (oltre alle fattispecie di cui agli artt. 727 bis e 733 bis c.p.) tra i reati presupposto molti degli illeciti previsti nel TUA (D.Lgs. n. 152/2006), nella l. n. 150/1992 , nella l. n. 549/1993 , nel D.Lgs. n. 202/2007 . Con la l. n. 68/2015, poi, sono stati aggiunti agli illeciti ora citati, anche quelli previsti agli artt. 452 bis, 452 quater, 452 quinquies, 452 sexies c.p. e gli illeciti associativi aggravati ex art. 452 octies c.p.

Reati ambientali: contravvenzioni dolose e colpose

L'art. 25 undecies del D.Lgs. 231/2001, al comma 1 lett. f) e g), prevede l'applicazione di sanzioni pecuniarie nei confronti della persona giuridica, laddove i vertici aziendali (o i soggetti da questi diretti) commettano i reati di cui agli artt. 727 bis e 733 bis c.p. nell'interesse o vantaggio dell'ente.
Inoltre, l'art. 25 undecies D.Lgs. n. 231/2001 introduce nel novero dei reati presupposto quelli previsti dal TUA ad alcuni specifici commi degli artt. 137, 256, 257, 279 . Allo stesso modo trovano introduzione nell'elenco dei reati catalogo anche le fattispecie previste: nella l. n. 150/1992 artt. 1 co. 1 e 2, art. 2 co. 1 e 2, art. 6 co. 4; nella l. n. 549/1993 art. 3 co. 6 e nel D.Lgs. n. 202/2007 artt. 8 co. 1 e 2 e 9 co. 1 e 2.
Si evidenzi come tutte le ipotesi di reato ora citate devono classificarsi come contravvenzioni perciò realizzabili indifferentemente a titolo di dolo o di colpa. La sussistenza del dolo o della colpa rileva al più per quel che riguarda la commisurazione della pena.

Reati ambientali: delitti dolosi, colposi e preterintenzionali

L'art. 25 undecies del D.Lgs. 231/2001, al comma 1 lett. a), b), c) e d) introduce tra i reati presupposto al verificarsi dei quali sorge la responsabilità da reato dell'ente, i delitti contenuti nel codice penale agli artt. 452 bis, 452 quater, 452 quinquies, 452 sexies c.p., nonché i delitti associativi aggravati ex art. 452 octies c.p. Ognuna delle fattispecie in discorso viene ad esistenza laddove l'autore del fatto abbia agito con dolo, fatta eccezione per l'ipotesi di cui all'art. 452 quinquies c.p. che prevede la diminuzione della pena per le ipotesi di inquinamento ambientale e disastro ambientale, laddove connotate da colpa.
Sono reati-catalogo, ai sensi dell'art. 25 undecies citato, anche i delitti di cui agli artt. 258 co. 4 secondo periodo e 260 bis co. 6, 7 secondo e terzo periodo, co. 8 primo e secondo periodo D.Lgs. n. 152/2006, nonché quello di cui all'art. 3 bis co. 1 della l. n. 150/1992.
Si rileva, inoltre, la connessione tra il reato di morte o lesioni a seguito di inquinamento ambientale ex art. 452 ter c.p. e la responsabilità da reato dell'ente.

Approfondisci sulla rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro!

Responsabilità degli enti nella sicurezza del lavoro e nella tutela ambientale
Alessia Bianchi
Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.2/2020

Conosci la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985 un aggiornamento competente e puntuale per i professionisti della sicurezza.
Ogni anno 11 fascicoli con approfondimenti normativi, tecnici e applicativi delle leggi; risposte pratiche ai dubbi che s'incontrano nella propria professione; aggiornamenti su prodotti e servizi per la prevenzione.
Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro e acquistala qui!

La Rivista è disponibile per gli abbonati su PC e dispositivi mobili, in formato sfogliabile e PDF, con i singoli articoli dal 2004 ad oggi!

Aggiornati con Istituto Informa

Esperto 231 / Auditor di Modelli di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs.231/01 e Componenti di Organismi di Vigilanza
(24 ore/40 ore)
Il corso è in fase di qualificazione da CERSA per la certificazione delle figure professionali: Componente Odv 231 - Auditor 231 - Esperto 231
Valido come aggiornamento per il mantenimento delle Certificazioni Cersa:
Professionista della security aziendale: 24/40 crediti
Manager HSE: 24/40 crediti - DPO: 8/12 crediti
Il corso ha come obiettivo la formazione di Auditor 231, che siano in grado di verificare la conformità del MOG rispetto alle linee guida e best practice di settore e di valutarne la sua attuazione ai principali processi aziendali, adeguata rispetto ai requisiti attesi dalla Direzione dell'Organizzazione; inoltre il corso ha come obiettivo la formazione e l'addestramento di Esperti 231 e Membri di ODV, in grado di definire gli elementi base di un Modello Organizzativo di Gestione (MOG) così come individuato dal Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.epc.it 
oppure scrivi a clienti@epcperiodici.it  
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic