Norme tecniche per le Costruzioni 2018
CASI PRATICI
Tracciare i sentieri: una Buona Prassi per l'emergenza in luoghi nascosti
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Tracciare i sentieri: una Buona Prassi per l'emergenza in luoghi nascosti Nella seduta del 17 aprile 2013 la Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ha validato alcune Buone Prassi, fra le quali la Procedura di "Emergenza su postazione di lavoro nascosta", redatta dalla SERTECH di Pachucki Leone:

La Buona Prassi riguarda il caso in cui arrivi una segnalazione di incidente da luoghi remoti, di difficile identificazione, in particolare sentieri agricoli e prevede l'identificazione dei sentieri con la verniciatura del numero, così da permettere anche a coloro non siano esperti o conoscitori dei luoghi, di chiamare i soccorsi in tempi efficaci, anche in assenza di cellulare/altro mezzo di comunicazione.

Il caso presentato
Nello specifico la Prassi affronta il caso in cui si debba svolgere una Posa di tubazione fognaria in alveo di fiume lontano da strade, nascosto fra alberi, in località non facilmente identificabile. Sul luogo di lavoro siamo in presenza di macchine,motoseghe, scavi profondi a rischio frana e allagamento.
Nel caso di emergenza come è possibile facilitare l'arrivo dei soccorsi?
La soluzione proposta prevede di verniciare numeri sull'asfalto stradale in corrispondenza degli accessi ai sentieri. Il tutto viene riportato su una mappa, che viene consegnata alla impresa esecutrice e al 118/112. È stata poi scritta una "procedura telefonica" in cui si indica il Cantiere e la Mappa. La squadra di lavoro deve essere dotata di fumogeni colorati per facilitarne il ritrovamento. Inoltre, è stata informata l'Autorità che la numerazione era di "necessità e sicurezza" e si è avuto il loro appoggio volontario e gratuito per mantenerla in essere fino a fine lavori.

Analisi dei risultati
I risultati conseguiti sono stati molto positivi, gli operatori del 118/112 hanno ispezionato preventivamente i luoghi, ed hanno anche coordinato la procedura. In tal modo, in un luogo dove l'impresa (ancor peggio, non del luogo) non avrebbe saputo come chiamare soccorso in tempo efficace e neppure avrebbe pensato alla problematica (contando solo sui suoi mezzi) sì è avuta certezza che con un telefono cellulare è possibile allertare l'auto medica e ambulanza in un tempo uguale a qualunque altro luogo del territorio.

I redattori della Buona Prassi sottolineano che per la realizzazione della Procedura, non è necessario che nella postazione nascosta vi sia la disponibilità di un mezzo di comunicazione per allertare i soccorsi. Infatti, in presenza di una "squadra di lavoro" composta da più di due persone, risulta possibile per chiunque, anche per chi non conosce i luoghi, raggiungere la strada principale, trovare aiuto/casa con telefono/zona coperta da ponti radio/ posto di soccorso/ e riportare le persone/ i soccorritori / esattamente dove servono riferendosi lui stesso al numero su strada.

Per fare il punto:
Le ultime Buone passi validate il 17 aprile sono:
- Emergenza su postazione di lavoro nascosta
- Sistemi di rilevazione in tempo reale per la valutazione dei rischi nei cantieri edili
- Utilizzo della videosorveglianza per incrementare il livello di sicurezza sul lavoro.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.lavoro.gov.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: