DALLE ISTITUZIONI

Open Data: INAIL mette mano alla banca dati statistica

28 ottobre 2015
INAIL

INAIL riporta sul proprio sito la revisione di alcuni criteri e scelte espositive della Banca dati statistica che da vent'anni mette a disposizione online molteplici informazioni sul fenomeno assicurativo,infortunistico e tecnopatico





Si rafforza ulteriormente il forte impegno dell'Inail nell'open data per una pubblica amministrazione ancora più trasparente e per una lettura più efficace del fenomeno infortunistico. Grazie alla revisione di alcuni criteri e scelte espositive della Banca dati statistica - che da vent'anni mette a disposizione online un vasto numero di informazioni su molteplici aspetti del fenomeno assicurativo e di quello infortunistico e tecnopatico - è da oggi possibile la confrontabilità immediata con le risultanze dei dati infortunistici/tecnopatici pubblicati nella Relazione annuale e nelle tabelle semestrali Open data.

Questi interventi hanno avuto sia carattere formale - per esempio, l'adozione di una nomenclatura dei fenomeni comune alle altre fonti dati istituzionali, ottimizzando così anche il rimando a un unico thesaurus/vocabolario - sia di contenuti. Sono state anche migliorate la grafica e l'usabilità - rendendo la consultazione di questo strumento più agile e personalizzabile - e sono stati anche rivisti i contenuti, con un'unica area "Aziende/Lavoratori" che sintetizza le due precedenti e un arricchimento delle definizioni della già vasta area "Infortuni/Malattie professionali".

Articolata in quattro aree tematiche - "Aziende e lavoratori", "Infortuni/malattie professionali","Rischio" e, a breve, anche l'area "Rendite" - la Bds consente di comporre un quadro d'insieme sul mondo degli assicurati Inail e dei loro rischi. In tutte le aree (a eccezione del "Rischio", che presenta indici calcolati su una media triennale) la serie temporale è quinquennale, per disporre di un andamento di breve e medio periodo sufficiente ai fini di valutazioni tecniche sul fenomeno oggetto di analisi. Presente sulla home page anche una voce "storico" che permette agli utenti di richiamare i report già visualizzati nei precedenti accessi.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.inail.it