APPROFONDIMENTO

Modelli di organizzazione e di gestione: requisiti, contenuti ed efficacia scriminante

31 agosto 2016
Angelo Delogu, - Dottorando in Diritto del Lavoro, presso l'Università La Sapienza di Roma

Si è sostenuto che l'impianto normativo scolpito nel D.Lgs. 81/2008 abbia come tratto caratterizzante il concetto di sicurezza organizzativa che dovrebbe aggiungersi a quelli di sicurezza tecnologica e comportamentale. Uno degli indici più forti di questo tratto evolutivo si può cogliere nella previsione dell'art. 30, D.Lgs. 81/2008.

Tale norma, infatti, identifica i requisiti minimi del modello di organizzazione e di gestione - già definito dall'art. 2, c. 1, l. dd) - idoneo a scongiurare la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni ex D.Lgs. 231/2001 . A sua volta D.Lgs. 231, come noto, regola il sottosistema della responsabilità degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato.
Responsabilità che, per inciso, ha un ambito applicativo meno esteso rispetto alla normativa in materia di sicurezza (non riguardando ad es. alcune amministrazioni pubbliche).
Va ricordato come l'art. 25-septies, D.Lgs. 231/2001 - introdotto dall'art. 9, l. 123/2007 e sostituito dall'art. 300, d.lgs. 81/2008 - abbia esteso l'ambito operativo della responsabilità amministrativa anche ai delitti di omicidio colposo e di lesioni personali colpose gravi e gravissime (artt. 589 e 590, c.p.), commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e di tutela della salute dei lavoratori .

Sulla rivista Ambiente&Sicurezza sul lavoro abbiamo presentato una rapida analisi che fa il punto degli approdi dottrinari e giurisprudenziali sul tema dei modelli di organizzazione e di gestione definiti dall'art. 30, D.Lgs. 81/2008. Dai problemi legati ai profili soggettivi di ascrizione della responsabilità o ai profili oggettivi dell'interesse e del vantaggio, sino alle questioni del complicato rapporto tra responsabilità amministrativa degli enti e natura colposa dei reati presupposto.

L'articolo è disponibile in allegato.

Riferimenti bibliografici
Modelli di organizzazione e di gestione: requisiti, contenuti ed efficacia scriminante
Angelo Delogu
Rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro n.3/2016



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.insic.it 
oppure scrivi a amsl@epcperiodici.it  

Allegati

Modelli di organizzazione e di gestione: requisiti, contenuti ed efficacia esimente - A.Delogu - Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.3/2016
- Delogu_AML3_2016.pdf (976 kB)