Mese del software Progetto Sicurezza Lavoro
IN GAZZETTA
Legge Europea 2014: modifiche al Testo Unico di Sicurezza
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Legge Europea 2014: modifiche al Testo Unico di Sicurezza Dopo la pubblicazione della Legge di Delegazione europea 2014 (L. n.114/2015), arriva in Gazzetta anche la Legge europea 2014 in vigore dal 18 agosto 2015 (L. n. 115/2015) completando gli strumenti di adeguamento del nostro ordinamento agli obblighi europei.
Le modifiche in materia di sicurezza sono contenute in due soli articoli, agli artt. 16 e 17: il primo apporta modifica al Testo unico di Sicurezza (di seguito TUS) in materia di cantieri temporanei e mobili. L'articolo 17 invece, corregge il D.Lgs. 108/2005 ai fini della corretta attuazione della direttiva 2009/13/CE sul lavoro marittimo.

Cantieri temporanei e mobili: modifiche al Testo unico di Sicurezza
L'articolo 16 cerca di porre rimedio all'infrazione europea condotta col Caso EU Pilot 6155/14/EMPL, in riferimento alle disposizioni del Testo Unico di Sicurezza in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nei cantieri temporanei o mobili.
Le modifiche si appuntano sulla lettera g-bis) del comma 2 dell'articolo 88 del D.Lgs. 81/2008) (che riguarda il campo di applicazione del Titolo IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI).
In base all'articolo 88 comma 2 del TUS le disposizioni del CAPO I che detta le Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, che non si applicano ai lavori previsti dalle lettere a) - g) ter.

La Legge europea 2014 sostituisce la lettera g) bis che ora recita:
Le disposizioni del presente capo non si applicano (art. 88 comma 2):
g bis) "ai lavori relativi a impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui all'allegato X».

La lettera g) bis così recitava:
"g-bis) ai lavori relativi a impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento, nonché ai piccoli lavori la cui durata presunta non è superiore a dieci uomini-giorno, finalizzati alla realizzazione o alla manutenzione delle infrastrutture per servizi, che non espongano i lavoratori ai rischi di cui all'ALLEGATO XI" a seguito della modifica apportata dal Decreto del Fare (DL n.69/2013 convertito con L. n. 98/2013).

Attuazione Direttiva sul Lavoro marittimo
La Legge europea 2014 modifica al D.Lgs. 108/2005 (che da Attuazione della Direttiva 1999/63/CE relativa all'accordo sull'organizzazione dell'orario di lavoro della gente di mare) aggiornando la nozione di "armatore" (lett e) comma 1 articolo 2 del decreto)
Inoltre, la Legge 115/2015 inserisce l'articolo 5 bis al D.Lgs. 108/2005 prevedendo una previsione sui "Lavori vietati ai minori": entro 90 giorni dall'entrata in vigore della Legge (a partire dal 15 agosto 2015) è prevista l'emanazione di un decreto interministeriale per individuare i lavori pericolosi per la salute e la sicurezza dei minori di anni diciotto e quelli vietati agli stessi.
Infine, la Legge 115/2015 inserisce l'articolo 38 bis e le Sanzioni per chi adibisce i minori ai lavori vietati: prevista sanzione pecuniaria da euro 516 a euro 2.582

Per saperne di più su ...Legge europea
La Legge europea 2014 è stata approvata formalmente al Senato nella seduta del 23 luglio 2015 contiene norme di diretta attuazione volte a garantire l'adeguamento dell'ordinamento nazionale all'ordinamento europeo, con particolare riguardo ai casi di non corretto recepimento della normativa europea. Inoltre, ai sensi dell'art. 30 del D.Lgs. 234/2012 sono in essa inserite disposizioni finalizzate a porre rimedio al non corretto recepimento della normativa dell'Unione europea nell'ordinamento nazionale, nei casi in cui il Governo abbia riconosciuto la fondatezza dei rilievi mossi dalla Commissione europea nell'ambito di procedure di infrazione o di procedure di pre-infrazione.
La Legge europea 2014 segue le precedenti Leggi Europea 2013 e Legge Europea 2013 bis, quest'ultima aveva modficato il Testo Unico di Sicurezza in materia di Costituzione di nuova Impresa (art. 28 comma 3 bis del TUS, argomento oggetto di Procedura di infrazione n. 2010/4227) e in tema di Rielaborazione della valutazione dei rischi (all'articolo 29, comma 3 del TUS ,oggetto di Procedura di infrazione n. 2010/4227).

Riferimenti normativi:
LEGGE 29 luglio 2015, n. 115
Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea - Legge europea 2014.
(GU Serie Generale n.178 del 3-8-2015)
Note: Entrata in vigore del provvedimento: 18/08/2015

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: