STRUMENTI WEB

Infortunio in itinere: indicazioni in pillole INAIL

14 settembre 2016
Redazione InSic.it

INAIL ha messo a disposizione sul proprio sito un nuovo pieghevole che in "Pillole" fornisce indicazioni sul tema dell'INFORTUNIO IN ITINERE. Si tratta del secondo supporto informativo diffuso quest'anno, dopo quello sul rischio esposizione a Radiazioni solari.

INAIL ricorda che l'Istituto tutela i lavoratori che subiscono un infortunio durante il normale tragitto di andata e ritorno tra l'abitazione e il luogo di lavoro. Ma questo infortunio presenta alcune peculiari caratteristiche di cui non sempre si è al corrente e che si è cercato di evidenziare per un primo approfondito contatto informativo.

Il pieghevole è consultabile in rete, chiarisce sul concetto di uso del mezzo privato "necessitato", nozione fondamentale ai fini della copertura infortunistica. Inoltre, riassume le altre ipotesi di verificazione dell'infortunio (può avvenire tra un lavoro e l'altro o nelle pause pranzo se non esiste una mensa aziendale).

INAIL chiarisce in breve anche sulle interruzioni: rientrano nell'assicurazione INAIL le deviazioni del percorso che siano effettuate in seguito a una direttiva del datore di lavoro; dovute a causa di forza maggiore, o a esigenze essenziali e improrogabili, nonché per adempiere ad obblighi penalmente rilevanti, o effettuate per esigenze costituzionalmente rilevanti, ed infine brevi soste che non alterano le condizioni di rischio.
Infine, alcune nozioni sugli infortuni dovuti al consumo di alcool, droga e di psicofarmaci, non indennizzabili direttamente.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.inail.it 

Allegati

L'Infortunio in itinere - Pieghevole INAIL (settembre 2016)
- Pieghevole_Inf_Itinere.pdf (1444 kB)

Potrebbe interessarti anche

Radiazioni solari, come proteggersi in pillole INAIL
Infortunio in itinere al rientro dalle ferie
Velocipede e infortuni in itinere: linea guida INAIL
Infortunio in itinere e rischio stradale, un commento alle analisi INAIL
Infortuni in itinere: protocollo Inail Polizia stradale