Norme tecniche per le Costruzioni 2018
LA SENTENZA
Infortuni: quando il comportamento del lavoratore rompe il nesso di causalità
fonte: 
Gennaro Iacovelli
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Infortuni: quando il comportamento del lavoratore rompe il nesso di causalità La Cassazione con Sentenza n.4980/2015 indica quando un comportamento ritenuto esorbitante rispetto alle mansioni implica la colpa specifica ed esclude la responsabilità del datore di lavoro



La Sentenza della Cassazione Penale, Sez. 4, 02 febbraio 2015, n. 4890 vede andare assolto il datore di lavoro per insussistenza dei fatti costituivi del reato di lesioni personali, ai sensi dell'art.590 c.p. in collegamento all'art.583 c.p., derivante da un infortunio accaduto ad un sua dipendente ascrivibile a titolo di colpa generica e specifica (violazione ex art.68 del DPR.n°547/55), sul presupposto che il comportamento della lavoratrice è stato ritenuto esorbitante rispetto alle svolgimento abituale delle mansioni lavorative, se pur avvenuto all'interno del regolare svolgimento del processo produttivo medesimo.

È stato osservato nella pronuncia che il comportamento del lavoratore perché possa qualificarsi appunto esorbitante, fonte ex se di pericolo, deve concretizzarsi, quindi, non solo nella mancata osservanza di precise norme antinfortunistiche, ma anche nel tenere una condotta, contraddistinta da un certo grado di avvedutezza tale da risultare contraria a precise direttive aziendali, a condizione però che l'evento infortunistico non sia il frutto della mancanza o dall'inidoneità delle misure di sicurezza poste in essere dal stesso datore di lavoro.
Infatti, come afferma la stessa Corte, in tutti i modi, le stesse misure per essere ritenute inidonee non devono comunque essere concretamente aggirate. Sulla scorta del principio di affidamento occorre che siano individuati quindi dei limiti ben precisi della responsabilità datoriale, al superamento dei quali gli obblighi infortunistici di ridurre al minimo i rischi vengano meno, altrimenti si configurerebbe una sorta di automatismo, trasformando il principio di garanzia in una sorta di responsabilità oggettiva per la sola posizione giuridica assunta.

Nel caso di specie, quindi, l'infortunio è accaduto nonostante gli organi lavoratori della macchina fossero opportunamente segregati con dei dispositivi di protezione e la lavoratrice formata e informata sul comportamento da tenere anche nel caso d'imprevisti malfunzionamenti nell'uso della stessa, superando le barriere dei presidi di sicurezza ha rivelato la piena consapevolezza di disattendere le prescrizioni datoriali impartitegli.
La stessa lavoratrice, infatti, allungandosi oltremodo, con il cacciavite, nella piccola feritoia di 10 cm, si esponeva di fatto al rischio per la sua stessa incolumità nel razionamento del mezzo, in assenza quindi di qualsiasi esigenza aziendale, dando vita di conseguenza ad un'azione ritenuta azzardata ed anomala, e quindi imprevedibile, qualificabile come causa sopravvenuta che di per sé ha interrotto, al fine di configurarne la responsabilità del datore di lavoro, per gli effetti di cui all'art.41, comma, 2 il nesso eziologico con l'evento infortunistico accorso alla stessa lavoratrice.



Sulla Banca dati Sicuromnia

La sentenza è disponibile sulla nostra Banca dati Sicuromnia, di cui è possibile richiedere una settimana di accesso gratuito




Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: