Norme tecniche per le Costruzioni 2018
STUDI E RICERCHE
Infortuni nella sanità: le donne i soggetti più a rischio
fonte: 
INAIL
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Infortuni nella sanità: le donne i soggetti più a rischio Alla vigilia dell'8 marzo l'Anmil ha presentato al Senato uno studio basato su dati Inail, su un settore in cui la quota delle lavoratrici è pari al 70% del totale e dove l'incidenza infortunistica femminile è superiore a quella maschile

Le donne, infatti, rappresentano il 70% del suo personale: 850mila su un totale di 1,2 milioni. Una netta maggioranza che, tra l'altro, non è più circoscritta ai ruoli tradizionali della professione infermieristica e ausiliaria, ma inizia a incidere anche nei ruoli apicali: negli ultimi 20 anni sono quasi raddoppiate le donne direttori generali e tra i medici la loro quota è salita dal 40 al 60 per cento.
A sottolinearlo è l'Anmil, l'associazione nazionale dei mutilati e invalidi del lavoro, che in vista dell'8 marzo ha dedicato alla sicurezza delle operatrici della sanità lo studio "Prendersi cura di chi ci cura", presentato ieri a Roma nel corso di una conferenza stampa nella Sala Caduti di Nassirya di Palazzo Madama, alla quale sono intervenuti, tra gli altri, il direttore generale dell'Inail, Giuseppe Lucibello, il presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell'Istituto, Francesco Rampi, la presidente della Commissione parlamentare del Senato sul fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali, Camilla Fabbri, e i presidenti delle Commissioni Lavoro della Camera e del Senato, Cesare Damiano e Maurizio Sacconi.
La ricerca, come precisato dal presidente dell'Anmil, Franco Bettoni, "riguarda i profili di maggiore vulnerabilità per le lavoratrici: quei rischi emergenti e più allarmanti per le statistiche e per la medicina - lo stress da lavoro, la violenza e le aggressioni, i disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico - in un contesto normativo che a tali fattori non dedica ancora un quadro di tutele completo e dettagliato". L'Anmil ha voluto così "fornire un contributo all'operato di tutti gli attori, pubblici e privati, nell'individuazione di strumenti organizzativi e giuridici e di buone pratiche che aiutino a rendere il settore più sicuro e, allo stesso tempo, più produttivo e più funzionale all'obiettivo di tutelare la salute di tutta la popolazione".
Dallo studio, frutto di una valutazione dei dati Inail, emerge in particolare che nel quinquennio 2009-2013, a fronte di una flessione generale degli infortuni pari a circa il 25%, nel settore sanitario - uno dei pochi in cui l'incidenza infortunistica femminile è superiore a quella maschile, sia in termini assoluti che relativi - la riduzione si è fermata al 13,7%, passando dai circa 37mila casi del 2009 ai 31.900 del 2013.
La maggioranza degli infortuni (55%) si verifica in strutture ospedaliere o case di cura, e in quasi un caso su tre (32%) riguarda le infermiere. Seguono le operatrici socio-sanitarie, con una quota pari al 10% del totale, le ausiliarie ospedaliere (5,3%) e le portantine (4,1%). La prima causa di infortunio tra le donne che lavorano nella sanità sono le cadute (5.500 casi nel 2013, il 23% del totale), eventi per lo più legati, come sottolineato dall'Anmil, alle tante barriere architettoniche ancora presenti nelle nostre strutture ospedaliere. Quattromila infortuni all'anno, pari al 17% del totale, sono invece provocati dai movimenti sotto sforzo, connessi soprattutto al sollevamento o allo spostamento dei pazienti.
Un altro rischio specifico diffuso per le operatrici di questo settore è l'aggressione o violenza da parte di estranei. Dei circa quattromila infortuni indennizzati complessivamente dall'Inail nel 2013 per questa particolare tipologia di eventi, precisa l'Anmil, circa 1.200, pari a quasi un terzo del totale, sono avvenuti nella sanità, e di questi ben il 71% (851 casi) ha interessato la componente femminile. Si tratta in genere di aggressioni da parte di pazienti, dei loro parenti o di altri utenti.
Gli infortuni in sanità sono numerosi, ma per lo più di lieve entità: dei 23.530 indennizzati nel 2013 alle operatrici sanitarie, ben il 96,6% del totale si è risolto infatti con un'inabilità temporanea al lavoro, mentre solo il 3,4% dei casi ha provocato danni permanenti, una quota notevolmente inferiore a quella media nazionale (8%) e a quella di settori ad alto rischio come le costruzioni (12%). La stima dell'Anmil è che ogni anno in questo settore si perdano circa 600mila giornate di lavoro a causa degli infortuni.
Il numero degli infortuni si riduce anche tra le operatrici sanitarie straniere, passando dai 4.500 casi del 2009 ai quattromila del 2013 (-9,1%). La quota rispetto al totale degli infortuni si attesta stabilmente intorno al 13%. La comunità straniera di gran lunga più rappresentata è quella della Romania, con oltre 650 infortuni nel 2013, pari al 16,1% del totale. Molto nutrita anche la rappresentanza sudamericana, in particolare di Perù (12,3%) ed Ecuador (5,3%). Seguono, con quote minori, altre comunità dell'est europeo (Albania, Polonia, Ucraina, Moldova) e dell'America centro-meridionale (Brasile, Repubblica Dominicana, Colombia, Argentina).
Nel corso della conferenza stampa di ieri al Senato è stata anche presentata un'iniziativa legislativa che riguarda l'ampliamento della tutela garantita ai coniugi e agli orfani dei morti sul lavoro - che secondo l'Anmil oggi è "assolutamente inadeguata e fonte di iniquità" - sia in termini di indennizzi economici, sia per l'accesso al lavoro. Le modifiche proposte con il disegno di legge 1769 comprendono, in particolare, l'estensione delle rendite Inail riservate ai figli fino al 26esimo o al 30esimo anno di età.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.inail.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: