CONVEGNI

Firenze: al via la Campagna europea 2014-2015

24 giugno 2013
Dr Maurizio Martinelli - TPALL - ASL Roma D

Il 18 giugno è stata ufficialmente lanciata la campagna Eu-Osha "Healthy Workplaces Manage Stress": grande interesse sui temi legati alla gestione dei rischi psicosociali


Il 18 giugno, presso la sede formativa INAIL di Firenze, si è tenuta la giornata di lancio della Campagna europea Healthy Workplaces Manage Stress 2014-2015.
Stress, rischi psicosociali, questi i temi della nuova Campagna biennale promossa dall'Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro (Eu-Osha)e gestita in Italia dal Manager Focal Point d.ssa Rotoli E., Direttore Centrale Dipartimento Prevenzione INAIL. Temi stringenti, attuali, che necessitano di attenzione e prevenzione, poiché dal recente sondaggio paneuropeo è emerso che il 51% degli intervistati ha dichiarato che il rischio stress lavoro correlato è presente nel proprio luogo di lavoro.

La campagna Eu-Osha vuole quindi fornire strumenti semplici ed efficaci affinché i datori di lavoro, insieme ai lavoratori, possano gestire i rischi psicosociali e affinché lo stress lavorativo sia affrontato in modo sistematico come gli altri rischi. Pertanto si concentrerà sulla promozione di buone prassi, di strumenti, pubblicazioni e guide utili, e già da aprile 2014 gli operatori della sicurezza possono visitare il sito www.healthy-workplaces.eu e prendere visione circa gli strumenti di indagine sviluppati e validati a livello nazionale, presenti nella sezione "Strumenti e Risorse" al link https://www.healthy-workplaces.eu/it/tools-and-resources/practical-tools/national-tools.

L'evento è stato Coordinato da F. Grosso, Referente Campagne europee Eu-Osha, che ha introdotto i contributi di Adinolfi B., Direttore Regionale INAIL Toscana e Onelli P., Direttore Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro (MLPS). Sono seguiti gli interventi di esperti accademici come Marocci G., Università di Firenze, Calafà L., Università di Verona e Golzio L.E. dell'Università Modena e Reggio Emilia Marco Biagi ed è stat presentata una prima panoramica di buone pratiche realizzate in alcune aziende italiane rappresentative delle imprese profit e non come Telecom Italia, Cofely Italia, Ospedale G.B.Grassi di Roma/ASL RM D e Rheinmetall Italia.

L'esposizione dei contenuti e la discussione conclusiva hanno permesso il confronto metodologico e scientifico sulla materia, che per sua natura necessita di maggiori contributi interpretativi a livello multidisciplinare da parte di giuslavoristi, psicologi del lavoro, ergonomi, medici del lavoro, economisti, ingegneri della sicurezza e tecnici della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro.
A differenza del 2002, in occasione della prima Campagna europea sullo stress lavoro correlato, l'evento fiorentino è stato molto partecipato, a significare che i dati del sondaggio Eu-Osha vengono confermati dall'elevato interesse che suscita la materia, inoltre, come operatori della sicurezza, auspichiamo che i contributi presentati dai relatori vengano pubblicati nel sito INAIL, poiché saranno utili sia per la progettazione di efficaci interventi di promozione e tutela della salute, sia per offrire sostegno e orientamento a lavoratori e datori di lavoro affinché riconoscano e affrontino efficacemente lo stress occupazionale.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.healthy-workplaces.eu