DALL'EUROPA

EU-OSHA: i temi della Relazione annuale 2015

14 giugno 2016
Redazione InSic

Come ogni anno EU-OSHA presenta la Relazione annuale che mette in evidenza le principali attività svolte dall'Agenzia nel corso dell'anno. Per il 2015 si segnalano i primi risultati dell'ESENER-2, il progetto OiRA, che ha ottenuto un certificato per le migliori prassi ed il vertice Ambienti di lavoro sani e sicuri di Bilbao con il quale si è conclusa la campagna Insieme per prevenire e gestire lo stress lavoro-correlato.

La relazione annuale 2015 è disponibile in versione integrale in inglese e ridotta in Italiano.

ESENER-2
Fra le attività del 2015, EU-OSHA ricorda nella Relazione Annuale 2015, i risultati dell'ESENER-2 sui rischi sul lavoro: i rischi più diffusi negli ambienti di lavoro europei sono quelli psicosociali e quelli relativi ai disturbi muscoloscheletrici e si sottolinea la sempre necessaria importanza della valutazione dei rischi: i risultati di questa valutazione sono stati raccolti in un nuovo dashboard interattivo disponibile online.

OIRA
Alla fine del 2015 il numero totale degli strumenti OiRA era pari a 86 e altri 30 erano in fase di sviluppo. Nel frattempo, è stata introdotta anche una nuova interfaccia, OiRA 2.0, volta a migliorare l'esperienza degli utenti. In novembre il progetto OiRA si è aggiudicato un certificato per le migliori prassi nell'ambito del programma relativo al Premio europeo del settore pubblico.

RISCHI EMERGENTI
Ma anche nuove sfide e nuovi rischi. Nel 2015 l'EU-OSHA ha pubblicato analisi di esperti relative a tre di questi rischi emergenti e al loro impatto sulla sicurezza e sulla salute sul lavoro: il crowdsourcing, i farmaci che aumentano le prestazioni e la robotica.

Con "crowdsourcing" o "esternalizzazione aperta", si intende la possibilità di trasferire" il lavoro al di fuori dei luoghi ad esso tradizionalmente deputati e ha favorito la nascita di forme di organizzazione del lavoro del tutto nuove. Un articolo del 2015 descrive i principali rischi che possono derivare dalla vasta gamma di compiti svolti dai lavoratori nell'ambito del crowdsourcing ed esamina alcuni esempi di questioni irrisolte legate alle notevoli sfide che la rapida crescita di questo settore ha creato.

Altro rischio emergente sarebbe legato all'uso di farmaci per ragioni non mediche come potenziatori cognitivi, sempre più diffuso tra alcuni gruppi di lavoratori. Un articolo EU-OSHA del 2015 descrive che cosa sono i farmaci che migliorano le prestazioni, l'attuale prevalenza di uso di questi medicinali e i loro effetti; inoltre, tratta delle implicazioni che il fenomeno potrebbe avere per la sicurezza e la salute sul lavoro.

Quanto alla Robotica e all'uso delle macchine nei luoghi di lavoro si sottolinea come oggi con l'avvento dell'intelligenza artificiale i robot possono anche "pensare". Un articolo di Eu-OSHA descrive l'attuale uso di robot e macchine intelligenti, e fa previsioni sul futuro utilizzo della robotica ed esamina le implicazioni di questo settore in termini di sicurezza e salute sul lavoro.

In allegato la sintesi in italiano, tratta dal sito EU-OSHA.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito osha.europa.eu 

Allegati

EU-OSHA: Relazione annuale 2015, sintesi in italiano
- eu_osha_2015_ita.pdf (1877 kB)

Potrebbe interessarti anche

Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età: al via la nuova Campagna EU-OSHA
ESENER 2: la presentazione al Parlamento UE
Rischi psicosociali in Europa: l'EU-OSHA pubblica un riepilogo sull'argomento
Gestione stress lavoro correlato: i risultati dell'indagine Esener
Chiude Ambienti di Lavoro Sani e Sicuri 2015: EU-OSHA fa il punto