SafetyExpo 2018
DAL MINISTERO DEL LAVORO
Depenalizzazione: esclusi i reati in materia di sicurezza sul lavoro
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia - http://sicuromnia.epc.it
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Depenalizzazione: esclusi i reati in materia di sicurezza sul lavoro Il Ministero del Lavoro con la Circolare n.6/2016 fornisce alcuni chiarimenti in materia di depenalizzazione, a norma dell'art. 2, comma 2, L. n. 28 aprile 2014, n. 67 recante "deleghe al Governo in materia di pene detentive non carcerarie e di riforma del sistema sanzionatorio", in vigore dal 6 febbraio.
Si chiarisce subito nel testo della Circolare che dalla depenalizzazione sono esclusi i reati contemplati dal D.Lgs. n. 81/2008, pertanto, i reati ivi previsti, puniti con la sola pena pecuniaria della multa o dell'ammenda, conservano natura penale e continuano ad essere perseguiti secondo la disciplina già in vigore.

Ricorda il ministero che in attuazione della Legge Delega ((L. n.67/2014) si dispone la depenalizzazione dei reati puniti con la sola pena pecuniaria e quindi delitti e contravvenzioni sanzionati rispettivamente con multa o ammenda. apportando importanti modifiche alle sanzioni applicabili ad alcune fattispecie di illeciti posti in essere in materia di lavoro e legislazione sociale.
La depenalizzazione, in virtù del comma 2 del medesimo articolo, riguarda anche quelle fattispecie punite con la sola pena pecuniaria che, nelle forme aggravate, prevedono l'applicazione della sola pena detentiva, oppure della pena detentiva in alternativa o congiunta alla pena pecuniaria; in tali casi, la fattispecie aggravata resta esclusa dalla depenalizzazione andando ad integrare una autonoma fattispecie di reato.

Nell'allegato alla Circolare si dettagliano le fattispecie oggetto di depenalizzazione: molte riferiscono al D.Lgs. 198/2006, con riferimento alla discriminazione nel mondo del lavoro per quanto riguarda l'accesso al lavoro, in forma subordinata, autonoma o in qualsiasi altra forma, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione, nonché la promozione (art. 27) e la retribuzione (art. 28), per l'attribuzione delle qualifiche, delle mansioni e la progressione nella carriera. Fra le altre fattispecie, quelle che attengono al trattamento pensionistico (art. 30). Ma anche il collocamento della gente di mare (Art. 5, D.P.R. 231/2006) e l'esercizio non autorizzato dell'attività di somministrazione di lavoro (Art. 18, comma 1, prima parte D.Lgs. 276/2003, come modificato dal D.Lgs. 251/2004), le ipotesi di distacco del lavoratore (Art. 30 comma, D.Lgs. 276/2003)
Inoltre, l'omesso versamento, nelle forme e nei termini di legge, delle ritenute previdenziali e assistenziali per gli operatori del settore agricolo e delle ritenute sui compensi dei lavoratori a progetto e dei titolari di collaborazioni coordinate e continuative iscritti alla gestione separata.

Per un quadro completo si rimanda alla circolare e al suo allegato.

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: