DAL MINISTERO

Attrezzature: nuovi chiarimenti sull'effettuazione delle verifiche

28 maggio 2013
Redazione Insic

Il ministero del Lavoro ha pubblicato la circolare n. 18 del 23 maggio 2013 (in allegato alla notizia) che contiene alcuni chiarimenti sulla Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche.


I chiarimenti sulle verifiche delle attrezzature

La circolare 18/2013 si sofferma quindi sulla normativa contenuta nel D.M. 11 aprile 2011, un decreto già oggetto di chiarimento da parte di altre circolari ministeriali (la n.21/2011 11/2012, 23/2012 e 9/2013).
I chiarimenti ministeriali riguardano alcuni aspetti della normativa:

- indagine supplementare: il ministero chiarisce i suoi contenuti minimi. L'Indagine si comporrà di un Esame visivo su ogni parte dell'apparecchio di sollevamento, Prove non distruttive, l'Analisi dei componenti strutturali e funzionali, Prove funzionali e Prove di funzionamento. Al termine dell'ispezione dovranno essere oggetto di registrazione i difetti e le anomalie rilevate, gli interventi da eseguire e le eventuali limitazioni prima del successivo riutilizzo; dall'analisi della vita pregressa e dal calcolo dei cicli effettuati, verrà stabilito il numero di cicli residui tradotto in periodo di lavoro sicuro della macchina nelle normali condizioni di utilizzo.

- carrelli semoventi: in materia di carrelli semoventi a braccio telescopico dotati di accessori/attrezzarure intercambiabili per sollevamento carichi liberi di oscillare o sollevamento persone con cestello/piattaforma, il ministero ricorda che il numero di matricola è assegnato alla macchina base. Per i carrelli semoventi a braccio telescopico già rientranti nel previgente regime di verifica, perché attrezzati con accessori o attrezzature intercambiabili che gli conferivano la funzione di sollevamento cose (immatricolati come autogrù) o di sollevamento persone (immatricolati come ponti mobili sviluppagli su carro), il datore di lavoro dovrà comunicare all'INAIL la messa in servizio del carrello, riportando nel relativo modello l'indicazione del o dei numeri di matricola precedentemente assegnati all'attrezzatura. Le matricole già assegnate verranno riassorbite dalla matricola associata al carrello semovente, che diverrà l'unica identificativa dell'attrezzatura con tutte le funzioni aggiuntive.

- Piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne (PLAC): alla PLAC messa in servizio viene assegnata una sola matricola a prescindere dal numero di configurazioni previste nel manuale d'uso. La PLAC è intesa come l'attrezzatura costituita dalla piattaforma di lavoro - piattaforma principale ed eventuali prolungamenti o estensioni della stessa -, da una o più colonne e da un sistema di comando)

- Scale per traslochi: per gli elevatori allestiti e trainati il ministero ricorda l'assoggettabilità alle verifiche periodiche, previste all'articolo 71, comma 11 del D.Lgs. n. 81/2008 e quindi alla disciplina del D.M. 11.04.2011. La disciplina si estende anche a "scale aeree ad inclinazione variabile" intese come "scale munite di argano per lo sviluppo della volata e di argano per il sollevamento della volata, il cui appoggio di base abbia un blocco atto a fissare l'inclinazione della volata nella posizione di lavoro", destinate a consentire l'accesso in quota di uno o più operatori e le eventuali attrezzature allo scopo di effettuarvi una attività lavorativa.

- Pubblicazione dell'elenco dei verificatori e dei responsabili tecnici e relativi sostituti: il ministero del Lavoro ravvisa l'opportunità che i Soggetti Abilitati alle verifiche pubblichino sul proprio sito internet il relativo organigramma generale (matrice delle competenze) e lo mantengano aggiornato in occasione di ogni variazione autorizzata.
Inoltre, il verificatore del Soggetto Abilitato dovrà esibire copia della lettera di incarico ed evidenza documentale della sua appartenenza all'elenco dei verificatori del Soggetto Abilitato.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.lavoro.gov.it 

Allegati

Circolare n. 18 del 23 maggio 2013- Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche
- CIRC_18maggio2013.pdf (1936 kB)