QUESITO

Asseveramento nei sistemi di gestione

13 maggio 2014
Rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro

Pubblichiamo un quesito pervenuto alla rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro che riguarda l'asseveramento nei sistemi di gestione

Il quesito

In ambito di standard di asseveramento nei sistemi di gestione delle imprese c'è congruità tra quanto adottato in Italia e nel resto dell'Unione Europea?

Risponde l'esperto

Anche grazie all'esperienza maturata come Capo Ufficio delle relazioni internazionali del Ministero della Giustizia posso dire che, non solo in ambito del settore della prevenzione infortuni, bisogna conformarsi necessariamente alle indicazioni stabilite dall'Unione Europea le quali, talvolta, sono "pacchetti preconfezionati" di obblighi.
Dunque, esistendo già una direttiva uniforme di base, il problema italiano attiene al tipo di reazione rispetto alla violazione normativa. Di fatto, il sistema legislativo nazionale ha adottato un impianto di norme dotate, in generale, di una blanda effettività e di scarso effetto repressivo. In particolare, in ambito di asseveramento, un ruolo fondamentale sarà svolto dalla Commissione Consultiva Permanente, che dovrebbe fornire anche delle linee guida per la valutazione standardizzata dei rischi, capaci di semplificare il lavoro non solo dei destinatari delle norme, ma anche di coloro che sono chiamati a giudicare come le norme stesse siano state applicate.

Vuoi porre un quesito?

Per proporre il vostro quesito scrivere a amsl@epcperiodici.it.Il servizio è disponibile per utenti abbonati alla Rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro.Per maggiori informazioni sulla Rivista, clicca qui.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.insic.it 
oppure scrivi a amsl@epcperiodici.it