I SOMMARI

Sulla rivista Antincendio n.2/2017 si parla di...

21 febbraio 2016
Rivista Antincendio

Disponibile online per gli utenti abbonati il numero di Febbraio della rivista Antincendio che alterna casi di studio ad analisi della normativa antincendio di riferimento.
Tanti gli aspetti collegati all'edilizia: si passa dalle procedure di calcolo del moltiplicatore di collasso delle volte a botte in muratura alle riflessioni sulla sicurezza antincendio dell'involucro edilizio, passando per le problematiche di reazione al fuoco in base alla circolare n. 12 del 17/5/1980 ed ai decreti del 10 e 15 marzo 2005. Non manca un articolo sulla progettazione delle vie di esodo alla luce del Codice e per il settore "carburanti" approfondiamo sulle normative nazionali ed internazionali sull'idrogeno ad autotrazione e su un caso reale di adeguamento antincendio di un impianto di gasolio di una Ditta che svolge attività di deposito e stoccaggio di materiali vari.

Nelle rubriche, continuiamo a raccontarvi il Forum di prevenzione Incendi 2016 (bergamo, 21-22 settembre 2016) con tre nuove relazioni, ritroviamo i quesiti dell'esperto risponde, le news dalle Associazioni di categoria, una breve rassegna delle ultime norme tecniche del settore, un utile glossario di termini e definizioni proprie della prevenzione incendi e la consueta vetrina di prodotti e servizi del mercato antincendio.

INFORMAZIONI
Il Sommario completo del numero di Febbraio di Antincendio è disponibile in allegato alla notizia.
Per abbonarsi alla rivista, compilare il seguente modulo, da inviare via fax (F: 06/33111043)

PROMOZIONE: Abbonati alla rivista al prezzo di 128,00+iva (al posto di 160,00+iva). Scopri come!!

ARTICOLI

Carico di collasso di una volta a botte in muratura esposta ad un incendio nominale
di Federico Carannante, Luca Ponticelli
Nel presente lavoro viene sviluppata una procedura analitica per il calcolo del moltiplicatore di collasso di una volta a botte in muratura esposta ad un incendi nominale. Il lavoro mostra lo sviluppo dell'analisi termica di una struttura a volta, considerando l'intradosso della volta esposto ad un incendio caratterizzato dalla curva d'incendio ISO 834.

Riflessioni sulla sicurezza antincendio dell'involucro edilizio
di Fabio Minutoli
I continui aggiornamenti normativi sulle strategie di sostenibilità ambientale e la sponsorizzazione di soluzioni tecnico-costruttive per il risparmio energetico (sistemi attivi e passivi) hanno reso indiscusse protagoniste le chiusure opache e trasparenti; sembra quindi opportuno soffermarsi su come la normativa di sicurezza antincendio sia in grado di guidare gli addetti ai lavori verso una progettazione "responsabile" dell'involucro edilizio. L'articolo affronta il meccanismo di trasporto termico della fiamma e le soluzioni compatibili al variare della tipologia di facciata e alla luce di quanto espresso dalla circolare 5043/2013 del Dipartimento Ministeriale dei Vigili del fuoco, pur criticando, di quest'ultima, la dubbia correttezza terminologica della suddivisione proposta per le pareti portate a corpo unico e multiplo.

La reazione al fuoco: dalla circolare n. 12 del 17/5/1980 ai decreti del 10 e 15 marzo 2005
di Giuseppe G. Amaro, Daniela Amato, Alessia Guardo
L'articolo affronta il meccanismo di trasporto termico della fiamma e le soluzioni compatibili al variare della tipologia di facciata e alla luce di quanto espresso dalla circolare 5043/2013 del Dipartimento Ministeriale dei Vigili del fuoco, pur criticando, di quest'ultima, la dubbia correttezza terminologica della suddivisione proposta per le pareti portate a corpo unico e multiplo.

La progettazione con il Codice: valutare l'esodo in presenza di percorsi unidirezionali
di Vasco Vanzini
A poco più di un anno dall'entrata in vigore del Codice di Prevenzione Incendi, e a pochi mesi da quella delle prime Regole Tecniche Verticali, l'applicazione delle norme tecniche di cui all'Allegato 1 del D.M. 03 agosto 2015 nella progettazione della sicurezza ai fini antincendio dei vari contenitori, sia che si tratti di edifici a destinazione civile che industriale, porta ad affrontare alcuni dubbi interpretativi.
Nell'articolo si vuole approfondire il caso di edifici, o porzioni di essi, serviti da un'unica scala, e quindi valutare la presenza di percorsi di tipo unidirezionale, siano essi sviluppati nel piano o in verticale, ai sensi del Codice di Prevenzione Incendi.

Idrogeno per autotrazione: analisi dei contenuti normativi in Italia ed Europa (III parte)
di Corrado Romano
La terza parte dell'articolo tratta singoli punti delle norme in materia di autotrazione, in particolare il D.M. 31 agosto 2006 e la Norma ISO /TS 20100 del 12/01/2008 Alla luce delle considerazioni riportate nell'articolo, l'autore ritiene necessario rivedere il dimensionamento delle distanze di sicurezza che, nella normativa italiana, costituiscono un punto critico di interpretazione nei confronti della norma ISO/TS 20100 del 12/01/2008.

Progettare un impianto di distribuzione di gasolio
di Giuseppe Fascina
L'articolo tratta un caso di studio e descrive un impianto ad uso privato di distribuzione gasolio per autotrazione, oggetto di adeguamento ad uso di una Ditta che svolge attività di deposito e stoccaggio di materiali vari. L'impianto di distribuzione, alimentato a gasolio, risulterà costituito da una colonnina di erogazione collegata ad una cisterna interrata della capacità di 10 mc.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.insic.it 
oppure scrivi a antincendio@epcperiodici.it  

Allegati

Sommario - rivista Antincendio n.2/2017
- Sommario_AI_2_17.pdf (2806 kB)

Potrebbe interessarti anche

Su Antincendio n.1/2017 si parla di...