Mese del software Progetto Sicurezza Lavoro
VENTILAZIONE
Quesito: le aperture di aerazione, quali tipologie scegliere?
fonte: 
Rivista Antincendio
area: 
Prevenzione incendi
Quesito: le aperture di aerazione, quali tipologie scegliere? Presentiamo un quesito pervenuto alla rivista Antincendio n.9/2013, in materia di aperture di aerazione in un capannone industriale.

Il Quesito

Nella fattispecie mi trovo con una struttura per cui riesco a soddisfare il rapporto di 1/30 della superficie in pianta di rapporto di aerazione.
Le aperture che consentono tale aerazione sono ovviamente finestrate: queste aperture devono obbligatoriamente essere dotate di aperture (serramento a maniglia) e se possono essere del tipo a vasistas oppure ad apertura normale (anta apribile).
Oppure è necessaria solamente la presenza del vetro e in caso di emergenza le squadre dei VV.F permettono l'areazione rompendo le vetrate?

Secondo l'Esperto

La superficie di aerazione naturale di un capannone ha, oltre al necessario ricambio di aria per la presenza di persone, il duplice scopo di prevenire l'eventuale formarsi di miscele esplosive, se si è in presenza di gas combustibili e/o liquidi combustibili, e di consentire un'eventuale fuoriuscita di prodotti della combustione in caso d'incendio.
Per poter espletare tutte queste funzioni è necessario che le aperture di ventilazione siano apribili, anche a vasistas, almeno per una percentuale della superficie in pianta che, in generale e salvo la presenza di sostanze particolari, può essere calcolata in 1/30.

Vuoi porre un quesito?

Per proporre il vostro quesito, occorre essere abbonati alla Rivista Antincendio, e scrivere a questo indirizzo:
antincendio@epcperiodici.it

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.epc.it 
oppure scrivi a antincendio@epcperiodici.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: