L'ESPERTO RISPONDE

Quesito: attività turistico-ricettiva e presentazione del CPI

12 giugno 2013
Redazione Antincendio

Presentiamo un quesito pervenuto alla rivista Antincendio,sui villaggi turistici e le autorizzazioni antincendio.

Il quesito

"Secondo il D.M. del 07/08/2012 recante le modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e la documentazione da allegare, ai sensi del D.M. 151/2011, per un'attività turistico-ricettiva all'aria aperta con meno di 400 presenze, costituita da 30 piccoli bungalow per un totale di 60 posti letto, occorre il parere preventivo dei Vigili del fuoco, oppure non è soggetta al Certificato Prevenzioni Incendi?".

Secondo l'Esperto

le strutture turistico-ricettive all'aria aperta (campeggi, villaggi turistici, ecc) con capacità ricettiva inferiore a 400 posti letto, non rientrano nella fattispecie (attività n. 66 del D.P.R. 151/2011) per la quale è richiesta la procedura autorizzativa dei Vigili del fuoco e il relativo rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.epc.it 

Potrebbe interessarti anche

Villaggi turistici, quando si applica la Regola tecnica