SafetyExpo 2018
L'ESPERTO RISPONDE
Quesito: attività turistico-ricettiva e presentazione del CPI
fonte: 
Redazione Antincendio
area: 
Prevenzione incendi
Quesito: attività turistico-ricettiva e presentazione del CPI Presentiamo un quesito pervenuto alla rivista Antincendio,sui villaggi turistici e le autorizzazioni antincendio.

Il quesito

"Secondo il D.M. del 07/08/2012 recante le modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e la documentazione da allegare, ai sensi del D.M. 151/2011, per un'attività turistico-ricettiva all'aria aperta con meno di 400 presenze, costituita da 30 piccoli bungalow per un totale di 60 posti letto, occorre il parere preventivo dei Vigili del fuoco, oppure non è soggetta al Certificato Prevenzioni Incendi?".

Secondo l'Esperto

le strutture turistico-ricettive all'aria aperta (campeggi, villaggi turistici, ecc) con capacità ricettiva inferiore a 400 posti letto, non rientrano nella fattispecie (attività n. 66 del D.P.R. 151/2011) per la quale è richiesta la procedura autorizzativa dei Vigili del fuoco e il relativo rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.epc.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS