SAFEIN
 Prevenzione Incendi
 CRONACA
Polveri e rischio incendio, due incidenti a Napoli e Torino
28 aprile 2013
fonte: 
area: Prevenzione incendi
Polveri e rischio incendio, due incidenti a Napoli e Torino Nella giornata del 26 aprile 2013, si sono verificati due diversi incendi che hanno coinvolto polveri combustibili: il primo a Roccarainola, nel napoletano in un deposito di magnesio e l'altro a Torino in una fabbrica per la lavorazione dei metalli.

Nel caso dell'incendio di Roccarainola è andato a fuoco un capannone di 400 metri quadrati che fungeva da deposito di magnesio: per sedare le fiamme è stato necessario l'ausilio anche di un mezzo aereo per spargere polvere: il magnesio infatti produce una combustione che non può essere spenta con l'acqua.

L'incendio del torinese, ha invece coinvolto una fabbrica che si occupa di lavorazione di metalli a Lombardore: nelle operazioni di spegnimento si è infortunato un Vigile del fuoco. In fiamme i sacchi di polvere di alluminio, pertanto, anche in questo caso non è stato possibile usare l'acqua per lo spegnimento. In questo caso è stato riscontrato un malfunzionamento dell'impianto di aspirazione delle polveri.

Come si protegge un'attività che tratta polveri combustibili? Per conoscere il rischio e prevenirlo, suggeriamo l'articolo di G. Tripi: "Polveri combustibili, il rischio è in agguato", pubblicato sulla Rivista Antincendio e disponibile in allegato, che fa il punto sulle attività a rischio esplosione e sulle possibili misure di precauzione.
L'articolo, anche alla luce del DPR 151/2011 riporta la Classificazione dei luoghi con presenza di atmosfere esplosiva, le caratteristiche del materiale combustibile ed individua le possibili sorgenti d'emissione.

Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic