INCONTRI

Ordine Ingegneri, considerazioni sulla normativa antincendio

12 marzo 2014
Rivista Antincendio

La Rivista Antincendio incontra Carla Cappiello, Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri di Roma per scoprire come sta cambiando il ruolo dell'ingegnere in un'ottica di "internalizzazione" della professione



La rivista Antincendio ha pubblicato sul numero di Febbraio di Antincendio un'intervista realizzata a Carla Cappiello da quasi un anno Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri di Roma.

L'intervista ha riguardato in particolare la figura dell'ingegnere, con riferimento alla internazionalizzazione del professionista e per quanto riguarda la prevenzione incendi è stato chiesto alla Presidente le specifiche esigenze riscontrate nel settore e cosa si sta facendo per renderlo in linea con le strategie intraprese dal Consiglio

La Presidente riconosce come il settore sia connotato da alti rischi e relativi costi per la società anche derivanti dall'uso delle necessarie misure di protezione: nonostante nell'ultimo decennio si siamo fatti passi avanti - spiega Cappiello, ci si muove ancora con grande incertezza e spesso i soggetti responsabili di strutture e impianti, agiscono sulla base di riferimenti normativi differenti, molte volte non coordinati tra di loro e l'aspetto antincendio viene visto come una componente a se stante da considerare in via residuale e non all'atto della progettazione quale componente paritetica con altri fattori.

La Presidente sottolinea come non ci dovrebbero più essere aspetti ambigui tra la normativa nazionale e quella europea, fra la normativa di progettazione ed i requisiti di sicurezza antincendio. Così come bisognerebbe eliminare i punti incerti relativi a diversi elementi infrastrutturali.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.insic.it 

Allegati

Incontri: Carla Cappiello Passione, coraggio trasparenza: una sfida da non sottovalutare - Antincendio 2/2014
- Incontri_AI (107 kB)

Potrebbe interessarti anche

Ordine Ingegneri, verso l'internazionalizzazione della professione