NORME TECNICHE

Operatori su impianti a gas: disponibile online la prassi UNI/PdR 11:2014

15 ottobre 2014
Redazione InSic

In settembre avevamo riportato la pubblicazione della UNI 11554 sulle figure professionali che operano sugli impianti a gas, riportando i requisiti in termini di conoscenza, abilità e competenza, relativi all'attività professionale.
Ora UNI ha finalmente realizzato l'annunciata Prassi di riferimento (UNI-CIG-ACCREDIA) UNI/PdR 11:2014 che contiene le "Raccomandazioni per la valutazione di conformità di parte terza ai requisiti definiti dalla UNI 11554.

La Prassi riguarda coloro che
- progettano, installano, rimuovono, ispezionano, sottopongono a collaudo, prova o verifica, mettono in servizio, mantengono in stato di sicuro funzionamento gli impianti alimentati a gas;
- scelgono, installano, rimuovono, sottopongono a prova o verifica, mettono in servizio, manutengono gli apparecchi a gas e loro componenti, secondo quanto definito nella UNI 11554.

L'obiettivo della Prassi, elaborata nel quadro della Legge n.4/2013, è assicurare che la certificazione assicuri la validità degli interventi sul mercato a tutela del sistema della distribuzione del gas e dell'utenza, indicando gli elementi comuni per la trasparenza e l'uniformità dei processi di certificazione del personale (volontari) secondo la UNI CEI EN ISO/IEC 17024.

La UNI/PdR ricalca la struttura della UNI 11554 evidenziandone gli aspetti operativi del percorso di certificazione (prova scritta, prova pratica e simulazione di situazioni reali operative) e le figure: Responsabile tecnico (Profilo A); Installatore (Profilo B) e Manutentore (Profilo C) cui si riferisce il percorso certificativo.

In allegato la Prassi in formato PDF



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.uni.com 

Allegati

Raccomandazioni per la valutazione di conformità di parte terza ai requisiti definiti dalla UNI 11554
- uni_pdr_11_2014.pdf (1261 kB)

Potrebbe interessarti anche

Impianti a gas: nuova UNI sui professionisti tecnici
Impianti e reti Gas infiammabili: chiarimenti VVF sulle attestazioni antincendio