SAFEIN
 Prevenzione Incendi
 QUESITO
Impianti fissi di estinzione incendi ad idranti e conformità alla UNI 10779
13 giugno 2017
fonte: 
area: Prevenzione incendi
Impianti fissi di estinzione incendi ad idranti e conformità alla UNI 10779 Sulla rivista Antincendio spazio ai quesiti dei nostri lettori!
Come garantire la conformità antincendio per alcuni impianti carenti di alcuni requisiti impiantistici previsti dall'ultima edizione della norma UNI 10779?
Parola all'Esperto, Sandro Marinelli, Dirigente A.R: dei Vigili del Fuoco...

Tutti i quesiti presentati alla rivista, i pareri degli esperti e la normativa collegata completa di approfondimenti tratti da Antincendio, è disponibile sulla nostro Banca Dati Sicuromnia!
Scoprila e richiedi una settimana di accesso gratuito!

Il quesito

In qualità di Professionista Antincendio, in fase di rinnovo periodico di conformità antincendio, sono incaricato della verifica della efficienza e funzionalità di impianti fissi di estinzione incendi ad idranti che risultano:
- realizzati da più di 10/20 anni comunque dopo l'entrata in vigore della Legge n. 46/90
- equipaggiati con lance antincendio di cui non si conosce il coefficiente k di erogazione previsto dalla nuova norma UNI 10779
- non dotati di attacco per manometro di misura della pressione residua all'ingresso (come da figura B1 della nuova norma UNI 10779)
- dichiarati conformi alla regola dell'arte, di cui all'art. 9 della Legge n. 46/90 (dichiarazioni spesso prive di riferimento a progetto redatto da tecnico abilitato e/o mancanti della relazione sui materiali utilizzati).
In carenza dei suddetti requisiti impiantistici previsti dall'ultima edizione della norma UNI 10779, ritengo sufficiente utilizzare il "Tubo di Pitot", certificato dal costruttore, rilevare la pressione residua alla lancia di erogazione e calcolare la portata sulla base delle tabelle annesse al certificato di prova che fanno riferimento al diametro dell'ugello della lancia.

L'Esperto risponde

Ovviamente, mancando i requisiti previsti dalla UNI 10779 così come evidenziato dal lettore, non resta altro che verificare le "prestazioni" dell'impianto rilevando i valori residui della pressione alla lancia di erogazione e calcolare la portata secondo quanto indicato. Non si può fare altro. La metodologia usata è corretta.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic