Norme tecniche per le Costruzioni 2018
DL #AMBIENTEPROTETTO
Confermato il rinvio all'obbligo di sostituzione dei sistemi antincendio
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Prevenzione incendi
Confermato il rinvio all'obbligo di sostituzione dei sistemi antincendio AGGIORNAMENTO
La Legge di conversione (L. 11 agosto 2014, n. 116) del DL #AmbienteProtetto, DL 91/2014 (pubblicato in Gazzetta n.192 del 20-8-2014 con il testo coordinato con le modifiche in sede di conversione) conferma il rinvio di ulteriori 9 mesi (ai già previsti sei mesi) dell'obbligo di smaltimento dei sistemi di protezione antincendio contenenti sostanze controllate: l'obbligo riguarda i detentori di sistemi antincendio contenenti sostanze controllate (vedi sotto i dettagli dell'allungamento dei termini previsti dal D.Lgs. 108/2013.

Inoltre il DL #AmbienteProtetto convertito aggiunge l'Allegato I al decreto legislativo 13 settembre 2013, n. 108 (Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono), prevedendo il nuovo Formato per la denuncia da redigere da parte dei detentori di sostanze controllate, da inviare a Ministero dell'Ambiente e MISE. In esso andranno riportate le tipologie d'impianti antincendio e la tipologia delle sostanze controllate.
L'articolo 11 del DL #AmbienteProtetto (DL 91/2014, come convertito con L. 116/2014) detta misure urgenti per la riduzione dell'inquinamento da sostanze ozono lesive contenute nei sistemi di protezione ad uso antincendio e da onde elettromagnetiche.
Stabilisce quindi modifica al D.Lgs. 108/2013 (Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono), inserendo l'Allegato I del DL. 91/2014 (che contiene il Formato per la denuncia degli utenti finali di cui all'articolo 5 comma 2 bis del D.Lgs. 108/2013) e si introduce il nuovo comma 2 bis all'articolo 5 del medesimo decreto legislativo.

L'articolo 5 del D.Lgs. 108/2013 prevede che "chiunque detiene e non elimina, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, i sistemi di protezione antincendio contenenti sostanze controllate, di cui all'articolo 3, punto 4), del regolamento, è punito con l'arresto fino ad un anno e con l'ammenda fino a 100.000 euro".
Il nuovo comma 2 bis introdotto dal DL 91/2014 aggiunge che il termine di sei mesi a partire dall'entrata in vigore del D.Lgs.108/2013 (entrato in vigore il 12/10/2013) è differito di ulteriori nove mesi per i detentori di sistemi antincendio contenenti sostanze controllate, di cui all'articolo 3, punto 4), del regolamento, che ne danno comunicazione, entro il 30 settembre 2014, ai Ministeri dell'ambiente e dello sviluppo economico, indicando l'ubicazione dell'impianto, la natura e la quantità della sostanza secondo il formato di cui all'allegato I al decreto 91/2014.
Pertanto la scadenza è rinnovata di 15 mesi a partire dall'entrata in vigore del D.Lgs. 108/2013, ovvero al 12/01/2016.

Il DL #AmbienteProtetto
Come abbiamo modo di vedere su queste pagine il DL #AmbienteProtetto convertito contiene disposizioni che incidono in materia ambientale e non solo: vengono toccati anche i temi dell'efficientamento energetico degli edifici scolastici, il rilancio e lo sviluppo delle imprese, il contenimento dei costi gravanti sulle tariffe elettriche. Maggiori info nelle notizie collegate.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: