Norme tecniche per le Costruzioni 2018
DALLA RIVISTA ANTINCENDIO
Quesito: Celle alimentari e rilascio del certificato di prevenzione incendi
fonte: 
Rivista Antincendio
area: 
Prevenzione incendi
Quesito: Celle alimentari e rilascio del certificato di prevenzione incendi Proponiamo un quesito pervenuto alla rivista Antincendio,in materia di rilascio del CPI per celle di stoccaggio di prodotti alimentari.

Il Quesito

Una cella di stoccaggio di prodotti alimentari surgelati (pasticceria) con superficie di circa 3.000 mq che lavora a temperatura di - 25 °C è comunque sottoposta a CPI considerando anche il basso carico d'incendio presente (base della pedana in legno ed imballo in cartone, peraltro surgelato anch'esso)?

Secondo l'Esperto

Una cella di stoccaggio di prodotti alimentari (pasticceria) surgelati rientra nella fattispecie indicata al punto 70 del D.P.R. n. 151/2011 e cioè "Locali adibiti a depositi di superficie lorda superiore a 1000 mq." solo se ha "quantitativi di merci e materiali combustibili superiori complessivamente a 5000 Kg".
Se rientra nella fattispecie sopradescritta, dovrà necessariamente effettuare le procedure autorizzative previste dalla normativa vigente che sono propedeutiche al rilascio del C.P.I. solo se l'attività rientra tra quelle oltre 3000 mq., altrimenti basta il parere preventivo e la S.C.I.A, sempre in presenza di quantitativi di merci e materiali combustibili superiori a 5000 kg., altrimenti l'attività non è soggetta alle autorizzazioni antincendio.

Vuoi porre un quesito?

Per proporre il vostro quesito, occorre essere abbonati alla Rivista Antincendio, e scrivere a:
antincendio@epcperiodici.it

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.insic.it 
oppure scrivi a antincendio@epcperiodici.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: