PREVENZIONE INCENDI

Campeggi e villaggi turistici, la nuova Regola tecnica

17 marzo 2014
Redazione Insic

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n.61 del 14-3-2014 il Decreto del Ministero dell'Interno del 28 febbraio 2014 che contiene la Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture turistico - ricettive in aria aperta (campeggi, villaggi turistici, ecc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone (vedi la Regola tecnica in formato PDF in allegato).

Gli obiettivi (art. 2) che si prefigge il Decreto è minimizzare le cause di incendio, garantire la stabilità delle strutture portanti al fine di assicurare il soccorso agli occupanti, limitare la produzione e la propagazione di un incendio all'interno della struttura ricettiva, limitare la propagazione di un incendio ad edifici od aree limitrofe, assicurare la possibilità che gli occupanti lascino i locali e le aree indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo e garantire la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza.

Nell'articolo 4 si specifica che il Titolo I (Disposizioni) della Regola tecnica si applica alle strutture turistico - ricettive in aria aperta di nuova realizzazione ed a quelle esistenti nel caso siano oggetto di interventi comportanti la loro completa ristrutturazione.
Ed al comma 2 si specifica ulteriormente che qualora gli interventi effettuati su attività esistenti comportino la sostituzione o modifica di impianti di protezione attiva antincendio o la modifica parziale del sistema di vie di uscita o ampliamenti e realizzazioni di nuove strutture, le disposizioni della Regola tecnica si applicano solo agli impianti ed alle parti in ampliamento dell'attività oggetto di intervento di modifica. Qualora, invece, l'aumento di superficie da destinare ad attività ricettiva è superiore al 50% di quella esistente, gli impianti di protezione attiva antincendio devono essere adeguati, per l'intera attività, alle disposizioni stabilite per le nuove attività.
Per gli interventi del comma 2 è possibile comunque adottare le disposizioni di cui al Titolo II, della Regola tecnica (Misure proporzionate ai potenziali scenari incidentali e alle specifiche caratteristiche di vulnerabilità funzionale e di contesto di insediamento), applicate all'intero insediamento ricettivo.

Per le strutture esistenti previsto l'adeguamento alle disposizioni del Titolo I Capo II (appunto riferito "Attività esistenti") e Titolo II (Metodo proporzionale della categorizzazione sostanziale antincendio) salvo nei casi di
a) possesso di atti abilitativi riguardanti anche la sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio, rilasciati dalle competenti autorità;
b) pianificazione, ovvero lavori di realizzazione, modifica, adeguamento, ristrutturazione o ampliamento anche in corso, sulla base di un progetto approvato dal competente Comando provinciale dei Vigili del fuoco, ai sensi dell'art. 3 del D.P.R. n.151/2011

Nell'articolo 6 infine, si fa riferimento ai termini temporali previsti per l'adeguamento delle strutture ricettive all'aria aperta
-alle disposizioni di cui al titolo I - capo II e Titolo II (comma 1) della Regola tecnica
-alle disposizioni di cui al titolo II della Regola tecnica
prendendo come riferimento la data riportata all'articolo 11 comma 4, del D.P.R. n. 151/2011 (ovvero due anni dall'entrata in vigore del D.P.R. avvenuta il 7/10/2011) e stabilendo gli anni entro i quali occorre procedere all'adeguamento.

Ricordiamo che il comma 4, dell'art. 11, del D.P.R. 151/2011, indica il termine entro il quale, gli enti e i privati responsabili di tutte le "new entry", esistenti alla data di pubblicazione del D.P.R., devono attuare quanto previsto dal nuovo regolamento. Tale termine era stato previsto in prima applicazione pari ad un anno e quindi entro il 6 ottobre 2012. Con provvedimenti successivi tale termine è stato prorogato al 6 ottobre 2014.

Al comma 3 dell'articolo 6 si richiede che nei Progetti di nuovi impianti o costruzioni nonché dei progetti di modifiche da apportare a quelli esistenti, che comportino un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio (art. 3 del D.P.R. n. 151/2011) devono indicare le opere di adeguamento ai requisiti di sicurezza di cui alle lettere a) e b) del comma 6.2 del DM 28/2/2014.
Entro i termini indicati dall'articolo 6 comma 1 e 2, dovrà essere presentata la segnalazione certificata di inizio attività ai sensi dell'art. 4 del D.P.R. n.151/2011.

Riferimenti normativi
DECRETO 28 febbraio 2014 del MINISTERO DELL'INTERNO
Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture turistico - ricettive in aria aperta (campeggi, villaggi turistici, ecc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone.
GU Serie Generale n.61 del 14-3-2014)



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 

Allegati

Regola tecnica di prevenzione Incendi per la progettazione,costruzione ed esercizio delle strutture ricettive all'aria aperta - All. al DM 28/2/2014
- RegTecnica_strTuristiche.pdf (3399 kB)