REPORT CONVEGNI

Aggiornamento regola tecnica ospedali: il commento degli esperti all'ISA

30 marzo 2015
Vigili del Fuoco

Coincidentemente con l'approvazione del DIM 19/3/2015 che reca "Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di cui al decreto 18 settembre 2002", si sono riuniti, il 25 marzo scorso all'ISA, istituzioni, ed esperti di settore per commentare le nuove previsioni del decreto di aggiornamento della regola tecnica sugli ospedali.
Ecco quanto riporta il sito dei Vigili del fuoco a proposito degli argomenti affrontati.

"Abbiamo una grande sfida davanti, perché non c'è solo il problema di fronteggiare l'emergenza, ma di raggiungere l'obiettivo di mettere in sicurezza, di fare prevenzione. La prevenzione vuole evitare l'emergenza". E' con queste parole che il sottosegretario Bocci è intervenuto al convegno che si è tenuto all'Istituto Superiore Antincendio il 25 marzo 2015.

L'On. Bocci ha inoltre ringraziato il Ministero della Salute, che ha partecipato al progetto, ribadendo che "le competenze dei due Ministeri devono concorrere a costruire un quadro generale di sicurezza coordinata".
L'ing. Giomi, nella doppia veste di Capo del Corpo e Coordinatore del Gruppo di lavoro, che ha sviluppato la nuova norma sulle strutture sanitarie, ha sottolineato i principi fondamentali su cui si basa la norma stessa, "flessibilità, progressività e proporzionalità", e che consente alle strutture sanitarie e agli ambulatori soggetti agli obblighi di prevenzione incendi, di adeguarsi entro tempi definiti. In particolare per gli ospedali gli adeguamenti potranno essere effettuati per fasi successive, procedendo per singoli punti della normativa, o anche per singoli lotti funzionalmente indipendenti.
In entrambi i casi le procedure dovranno concludersi entro dieci anni dall'entrata in vigore della norma stessa.

Per gli ambulatori il processo dovrà concludersi entro sette anni in relazione alla tipologia di attività svolta.
Novità di rilievo è l'introduzione del sistema di gestione finalizzato all'adeguamento antincendio che consentirà di mantenere elevati livelli di sicurezza durante le fasi di progressivo adeguamento alle misure antincendio.
A tal fine è stata prevista una nuova figura: quella del Responsabile tecnico della sicurezza antincendio per la predisposizione e attuazione del sistema di gestione, che dovrà avere un ruolo centrale nel processo di adeguamento.

A questo proposito l'on. Bocci ha sottolineato il ruolo dei tecnici all'interno delle strutture sanitarie, che, parimenti al ruolo dei sanitari "devono poter incidere, devono rappresentare un elemento importante della struttura".
L'ing. Pedrini, membro del gruppo di lavoro e rappresentante della SIAIS, ha voluto sottolineare come il gruppo di lavoro ha proceduto in modo innovativo, con una analisi della normativa preesistente volta a verificare la possibilità di modifiche senza pregiudizio per le condizioni di sicurezza, ma soprattutto cercando di capire se e come le indicazioni normative potevano essere applicate dalle strutture destinatarie.
Presente al convegno il Capo del dipartimento prefetto Musolino, i Direttori Centrali e i Direttori regionali, nonché numerosi tecnici e addetti ai lavori provenienti da tutta Italia.


Norme antincendio per le strutture sanitarie: all'ISA un convegno dedicato
24/3/2015

Domani 25 marzo si svolgerà a Roma presso l' Istituto Superiore Antincendi una Giornata di approfondimento dedicata all'analisi del decreto interministeriale predisposto dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile in attuazione dell'art. 6 del decreto legge 13 settembre 2012, n.158


Misure più sostenibili mantenendo gli attuali standard di sicurezza, percorso di adeguamento antincendio con scadenze differenziate in un intervallo massimo di nove anni, senza limitare la funzione sociale di assistenza sanitaria alla collettività. Queste le novità introdotte nello schema di decreto interministeriale (Interno, Salute ed Economia e Finanze) predisposto dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile in attuazione dell'art. 6 del decreto legge 13 settembre 2012, n.158.
Appuntamento alle ore 9 del 25 marzo nell'aula magna Giorgio Mazzini dell'Istituto Superiore Antincendi, in via del Commercio 13 a Roma. Ad aprire l'incontro sarà il Capo del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco ing. Gioacchino Giomi, presente il Sottosegratario all'Interno on. Gianpiero Bocci.

La giornata, dal tema "Le nuove norme antincendio per le strutture sanitarie", è aperta al pubblico ed è rivolta, in particolare, a tutti i soggetti (Amministratori pubblici statali e locali, progettisti e gestori delle strutture sanitarie) che a vario titolo sono interessati alla progettazione, realizzazione e alla gestione delle strutture sanitarie con l'obiettivo di illustrare le principali novità tecniche e normative sulla prevenzione incendi che verranno introdotte al fine di superare le criticità emerse dall'applicazione della legge in vigore.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.vigilfuoco.it 

Potrebbe interessarti anche

Strutture sanitarie e regola tecnica: il Decreto 19 marzo 2015