DAL GOVERNO

#sbloccascuole2017 : nuovi investimenti sull'edilizia scolastica

20 gennaio 2017
Italia Sicura

Italia Sicura fa il punto sugli investimenti finanziari previsti dalla Legge di Bilancio 2017 legge n. 232 del 2016 in materia di edilizia scolastica. Il comma 485 dell'articolo 1 assegna infatti spazi finanziari agli enti locali, per il triennio 2017-2019, nel limite complessivo di 700 milioni di euro annui, di cui 300 milioni di euro destinati in modo specifico ad interventi di edilizia scolastica.
C'è tempo per richiedere i finanziamenti fino al 20 febbraio 2017 tramite procedura on line che sarà pubblicata sul sito web http://italiasicura.governo.it/, tra la fine di gennaio e i primi di febbraio.

Entro il 5 marzo 2017 saranno indicati i criteri prioritati ai fini dell'attribuzione, a ciascun ente locale, degli spazi la Struttura di missione per il coordinamento degli interventi di edilizia scolastica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri

I criteri di assegnazione dei fondi
I criteri prioritari attengono, come previsto dalla norma, tre diverse casistiche:
•interventi di edilizia scolastica già avviati, a valere su risorse acquisite mediante contrazione di mutuo, e per i quali sono stati attribuiti spazi finanziari nell'anno 2016 ai sensi del D.P.C.M. 27 aprile 2016 (cd sbloccascuole);
•interventi di nuova costruzione di edifici scolastici per i quali l'ente disponga del progetto esecutivo validato e per i quali l'ente stesso non abbia pubblicato il bando alla data di entrata in vigore della presente legge;
•ulteriori tipologie di interventi per i quali l'ente disponga del progetto esecutivo validato e per i quali l'ente stesso non abbia pubblicato il bando alla data di entrata in vigore della presente legge .

Allegazioni documentali
Per l'assegnazione di spazi finanziari per l'edilizia scolastica dovranno essere allegati alla richiesta:
•per gli interventi della casistica A, relativamente ai CUP già segnalati dal monitoraggio 2016, per interventi già avviati e non ancora conclusi (collaudo):
il certificato di consegna dei lavori o l'aggiudicazione provvisoria dell'intervento/proposta di aggiudicazione (formato PDF);
- il cronoprogramma delle opere e della spesa (formato PDF).

Gli enti sono altresì invitati ad allegare fotografie di cantiere (formato JPG).
•per gli interventi delle casistiche B e C:
- la validazione del RUP (ai sensi del D.Lgs. n. 50/2016) del progetto esecutivo (formato PDF);
- la relazione generale del progetto (formato PDF);
- il cronoprogramma delle opere e della spesa (formato PDF).

Gli enti sono altresì invitati ad allegare fotografie dello stato di fatto (formato JPG).
Nella casistica B sono compresi anche interventi di demolizione e ricostruzione, interventi di ampliamento = 20% della SLP esistente, acquisto di edifici esistenti, destinati ad attività scolastica. Nel caso di quest'ultima fattispecie sarà necessario allegare:
-la dichiarazione di conformità dell'immobile alle normative tecniche per l'edilizia scolastica a firma del responsabile legale dell'ente o suo delegato;
-atto di impegno alla destinazione d'uso scolastica per almeno 5 anni;
-delibera di acquisizione dell'immobile da parte dell'ente, eventualmente condizionata all'acquisizione degli spazi finanziari.
Sarà possibile per ogni singolo ente proporre più richieste anche appartenenti a casistiche diverse.

Monitoraggio degli interventi finanziabili
Gli interventi saranno monitorati anche tramite il sistema on line della Struttura di missione, come già avvenuto negli anni precedenti, previa acquisizione dei dati già oggetto di rilevazione attraverso la BDAP-MOP.
Gli enti locali non possono richiedere spazi finanziari per le finalità di investimento di cui ai commi da 485 e da 487 a 489, qualora le operazioni di investimento, realizzate con il ricorso all'indebitamento e all'utilizzo dei risultati di amministrazione degli esercizi precedenti, possano essere effettuate nel rispetto del proprio saldo di cui al comma 1 dell'articolo 9 della legge 24 dicembre 2012, n. 243.
Gli spazi richiesti per investimenti finanziati con avanzo di amministrazione possono essere riferiti ad impegni esigili nel 2017, nonché al fondo pluriennale di spesa a copertura degli impegni esigibili nei futuri esercizi.
Gli spazi richiesti per investimenti finanziati con operazioni di indebitamento devono riguardare solo ed esclusivamente investimenti con impegni esigibili nel 2017 e non anche fondo pluriennale vincolato di spesa.
Italia Sicura segnala anche che: "Ai sensi dell'articolo 1, comma 507, della legge n. 232 del 2016, qualora gli spazi finanziari concessi in attuazione delle intese e dei patti di solidarietà previsti dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui all'articolo 10, comma 5, della legge n. 243 del 2012, non siano totalmente utilizzati, l'ente territoriale non potrà beneficiare di spazi finanziari nell'esercizio finanziario successivo (2018)".
E "Ai sensi del decreto legislativo 29 dicembre 2011, n. 229 gli enti beneficiari devono trasmettere le informazioni relative agli investimenti effettuati a valere sui predetti spazi al sistema di monitoraggio opere pubbliche della Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche (BDAP-MOP) del Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, avendo cura di valorizzare il campo "Tipologia di spazi finanziari":
con la voce "Patto nazionale - Avanzo" nel caso di investimento finanziato da avanzo;
con la voce "Patto nazionale - Debito", nel caso di ricorso a indebitamento"
.

La mancata trasmissione delle informazioni, ai sensi del comma 508 del medesimo articolo 1, comporta l'impossibilità di procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto, fino a trasmissione avvenuta.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito italiasicura.governo.it 

Potrebbe interessarti anche

Legge di Bilancio 2017, fra le novità Ecobonus condomini, Sabatini e Scuole
#Sbloccascuola: ancora 39 milioni a disposizione degli Enti Locali
#Sbloccascuola: disponibili i 480 milioni della Legge di Stabilità
DL #SbloccaItalia, un commento su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.1/2015