Norme tecniche per le Costruzioni 2018
CHIARIMENTI MINISTERIALI
Solidarietà negli appalti: cosa prevede il Decreto Lavoro?
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Edilizia
Solidarietà negli appalti: cosa prevede il Decreto Lavoro? Nella circolare n. 35/2013, emanata dal Ministero del Lavoro a seguito della conversione in legge del c.d. Decreto lavoro (D.L. n. 76/2013 conv. da L. n. 99/2013), sono contenuti riferimenti anche alla controversa questione della solidarietà negli appalti.

Chiarimenti dal Ministero del Lavoro

Il Decreto lavoro si occupa della questione nell'articolo 9 comma 1 del D.Lgs. 76/2013, che chiarisce sui contenuti dell'art. 29, comma 2, del D.Lgs. n. 276/2003 che a sua volta disciplina l'istituto della solidarietà nell'ambito degli appalti.In base all'articolo 29 "salvo diversa disposizione dei contratti collettivi nazionali sottoscritti da associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative del settore che possono individuare metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarità complessiva degli appalti, in caso di appalto di opere o di servizi, il committente imprenditore o datore di lavoro è obbligato in solido con l'appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali subappaltatori entro il limite di due anni dalla cessazione dell'appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi, comprese le quote di trattamento di fine rapporto, nonché i contributi previdenziali e i premi assicurativi dovuti in relazione al periodo di esecuzione del contratto di appalto, restando escluso qualsiasi obbligo per le sanzioni civili di cui risponde solo il responsabile dell'inadempimento (...)"

A quali contratti si applica la solidarietà negli appalti

Il Ministero del Lavoro precisa che, anche in linea con la circolare 5/2011, la disciplina sulla solidarietà negli appalti - trova applicazione anche in relazione ai compensi e agli obblighi di natura previdenziale e assicurativa nei confronti dei lavoratori con contratto di lavoro autonomo. La ratio sottesa all'istituto della solidarietà, volta a tutelare i lavoratori per i quali gli obblighi previdenziali e assicurativi sono prevalentemente assolti dal datore di lavoro/committente, lascia tuttavia intendere che il riferimento ai "lavoratori con contratto di lavoro autonomo" sia limitato sostanzialmente ai co.co.co./co.co.pro. impiegati nell'appalto e non anche a quei lavoratori autonomi che sono tenuti in via esclusiva all'assolvimento dei relativi oneri. Una diversa interpretazione porterebbe sostanzialmente ad una coincidenza tra trasgressore e soggetto tutelato dalla solidarietà, ampliando ingiustificatamente le effettive responsabilità del committente, con evidenti distonie sul piano delle finalità proprie dell'istituto;
- non trova applicazione in relazione ai contratti di appalto stipulati dalle PP.AA. di cui all'art. 1, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, rispetto alle quali continuano tuttavia ad applicarsi sia la disciplina contenuta nel Codice Appalti che nell'art. 1676 c.c..

Iniziativa delle Parti sociali

Inoltre, secondo il Ministero l'eventuale intervento delle parti sociali volto ad incidere sulla disciplina di cui all'art. 29, comma 2, del D.Lgs. n. 276/2003, individuando "metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarità complessiva degli appalti", riguarda trattamenti retributivi dovuti ai lavoratori impiegati nell'appalto "con esclusione di qualsiasi effetto in relazione ai contributi previdenziali e assicurativi". Una eventuale diversa disciplina introdotta dalla contrattazione collettiva non comprometterebbe pertanto il diritto degli Istituti previdenziali e assicurativi di avvalersi della solidarietà ai fini della riscossione della contribuzione non versata.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.lavoro.gov.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: