Norme tecniche per le Costruzioni 2018
LA SENTENZA
Risarcimento infortuni: la responsabilità solidale del direttore lavori e datore di lavoro
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Edilizia
Risarcimento infortuni: la responsabilità solidale del direttore lavori e datore di lavoro Secondo la Corte, quando un medesimo danno è provocato da più soggetti per inadempimenti diversi intercorsi rispettivamente fra ciascuno di essi ed il danneggiato, tali soggetti debbano essere considerati corresponsabili in solido.

La Corte di Cassazione civile, con sentenza del 9 aprile 2014, n. 8372 interviene in materia di responsabilità del direttori dei lavori e del datore di lavoro in un caso di richiesta di risarcimento del danno in relazione ad un'infortunio sul lavoro affermando la responsabilità soidale dei due soggetti.
Spiega la Corte che quando un medesimo danno è provocato da più soggetti (nel caso di specie datore di lavoro e direttore dei lavori), per inadempimenti diversi intercorsi rispettivamente fra ciascuno di essi ed il danneggiato, tali soggetti debbano essere considerati corresponsabili in solido.
Ciò non tanto sulla base dell'estensione alla responsabilità contrattuale della norma dell'art. 2055 c.c. dettata per la responsabilità extracontrattuale - come pure è stato sostenuto in dottrina - ma soprattutto perché, sia in tema di responsabilità contrattuale che di responsabilità extracontrattuale, se un evento dannoso è imputabile a più persone - come è accaduto nel caso di specie - al fine di ritenere la responsabilità di tutte nell'obbligo risarcitorio, è sufficiente in base ai principi che regolano il nesso di causalità, soltanto il concorso di più cause efficienti nella produzione dell'evento, e cioè che le azioni od omissioni di ciascuno abbiano concorso in maniera efficiente, alla determinazione dello stesso.

Ti occupi di coordinare e organizzare la sicurezza nei cantieri? la suite Progetto Sicurezza Cantieri è la soluzione ideale per affrontare a trecentosessanta gradi e professionalmente le problematiche della sicurezza nei cantieri temporanei o mobili. La nuova versione 5 completamente rinnovata è suddivisa in tre moduli: PSC, POS e CLS rispettivamente per la redazione dei piani di sicurezza e coordinamento, dei piani operativi di sicurezza e per la gestione delle forniture di calcestruzzo in cantiere.
I piani di sicurezza e coordinamento, i fascicoli dell'opera, i piani operativi di sicurezza e i piani sostitutivi di sicurezza redatti con i moduli POS e PSC rispondono alle disposizioni dettate dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.
Maggiori info al seguente link


In allegato la sentenza, pubblicata sulla nostra Banca dati Sicuromnia, aggiornata con le sentenze più significative in materia di sicurezza sul lavoro e tutela ambientale

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: