IL QUESITO
Piattaforme di lavoro mobili elevabili e misure di sicurezza per l'utilizzo di una sola persona
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Edilizia
Piattaforme di lavoro mobili elevabili e misure di sicurezza per l'utilizzo di una sola persona Nuovo quesito per la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro!
Un abbonato chiede come fare per scaricare la norma UNI EN 280 del 2001. Come conoscere le misure che la normativa prevede per una PLE abilitata all'utilizzo per una sola persona?
Risponde l'Ing. Lucio Fattori, Ingegnere, RSPP e consulente

Secondo l'Esperto
La normativa europea della serie EN in Italia è tradotta e distribuita dall'UNI (www.uni.com). Accedendo al sito e registrandosi è possibile scaricare, a pagamento, le norme distribuite.
In particolare la norma relativa alle piattaforme di lavoro mobili elevabili "Calcoli per la progettazione - Criteri di stabilità - Costruzione - Sicurezza - Esami e prove" è la numero UNI EN 280:2015 che sostituisce la EN 280:2013 e le altre edizioni precedenti.
La versione citata del 2001 della norma EN 280 "Mobile elevating work platforms - Design calculations - Stability criteria - Construction - Safety - Examinations and tests" è stata ritirata e ad oggi si deve fare riferimento, per la costruzione delle PLE, alla norma del 2015.

La norma EN 280:2015 specifica i requisiti tecnici e le misure di sicurezza per tutti i tipi e per tutte le dimensioni di piattaforme di lavoro elevabili (MEWP o PLE), destinate a spostare persone fino alle posizioni di lavoro da cui possano svolgere mansioni dalla piattaforma di lavoro, con l'intendimento che le persone accedano ed escano dalla piattaforma di lavoro solo da posizioni di accesso a livello del terreno o dal telaio.
In merito al quesito si suppone si vogliano conoscere le dimensioni della piattaforma (detta anche "cesta" o "navicella") per l'operatività di una sola persona. La norma citata contiene i requisiti e le indicazioni per una progettazione che garantisca la sicurezza degli occupanti, ma lascia in molti casi completa libertà al fabbricante di adattare e personalizzare il proprio prodotto alle esigenze dell'utilizzatore finale. Si pensi che le PLE vengono usate per lavori differenti in configurazioni spesso singolari o particolari, e il costruttore deve essere libero di poter offrire un prodotto che sia adeguato per il compito. Il principio è pertanto quello di fornire indicazioni di sicurezza (altezza dei corrimani, dimensione degli accessi, criteri di stabilità, ecc.) ma lasciare libertà in altre scelte che si potrebbero ripercuotere sugli aspetti operativi più che gestionali.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: