Safety Expo 2017
LA SENTENZA
Oneri sicurezza non indicati in legge di gara: necessario il soccorso istruttorio
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia - http://sicuromnia.epc.it
area: 
Edilizia
Oneri sicurezza non indicati in legge di gara: necessario il soccorso istruttorio Il principio di parità di trattamento e l'obbligo di trasparenza devono essere interpretati nel senso che ostano all'esclusione di un operatore economico da una procedura di aggiudicazione di un appalto pubblico in seguito al mancato rispetto, da parte di tale operatore, di un obbligo che non risulta espressamente dai documenti relativi a tale procedura o dal diritto nazionale vigente; in tali circostanze, all'operatore deve essere consentito di regolarizzare la propria posizione entro un termine fissato dall'amministrazione aggiudicatrice.

Sono le conclusioni tratte dalla Sentenza del Consiglio di Stato Sez. V, sentenza n. 194 del 18.01.2017, commentata da Salvatore Casarrubia all'interno della Rassegna della Giurisprudenza del mese di marzo della rivista Ambiente&Sicurezza sul lavoro.

Il caso
L'oggetto del giudizio amministrativo è la legittimità dell'ammissione ad una gara pubblica di un'impresa, stante l'omessa dichiarazione degli oneri di sicurezza aziendale, la cui specifica non era prescritta dalla disciplina di gara.
Il giudice di primo grado si era espresso, richiamando l'orientamento dall'Adunanza plenaria di cui alle sentenze n. 3 e 2 del 2015. L'Adunanza plenaria è recentemente intervenuta sulla tematica con la sentenza n. 19/2016, rettificando il precedente orientamento, alla luce dei principi europei di tutela dell'affidamento, certezza del diritto, parità di trattamento, non discriminazione, proporzionalità e trasparenza.

Secondo il Consiglio di Stato
Per le gare bandite prima del nuovo codice (D.Lgs. n. 50/2016), nelle ipotesi in cui l'obbligo di indicazione separata dei costi di sicurezza aziendale non sia stato specificato dalla legge di gara, e non sia contestato che l'offerta rispetti i costi minimi di sicurezza aziendale, l'esclusione del concorrente non può essere disposta se non dopo che lo stesso sia stato invitato a regolarizzare l'offerta dalla stazione appaltante nel doveroso esercizio dei poteri di soccorso istruttorio (cfr. anche Cons. Stato n. 4527/2016).

Riferimenti
La sentenza fa parte della Rassegna della Giurisprudenza di marzo 2017, di Ambiente&Sicurezza sul Lavoro.
Il testo di questa e della altre sentenze commentate è disponibile sulla Banca Dati Sicuromnia.
Scoprila e richiedi una settimana di prova!

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: