IN GAZZETTA

Legge di Bilancio 2018: dagli appalti pubblici agli impianti da fonti rinnovabili

4 gennaio 2018
Camera dei Deputati

In vigore dal 1 gennaio 2018, la legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) pubblicata sul Suppl. Ordinario n. 62 alla Gazzetta n.302 del 29-12-2017.
Senato ha approvato il provvedimento nella giornata del 30 novembre e lo ha quindi trasmesso alla Camera (A.C. 4768), che ne ha sua volta terminato l'esame il 22 dicembre (A.C. 4768 A/R) ritrasmettendolo al Senato per l'approvazione definitiva il 23 dicembre 2017.

All'interno del testo del DDL poi approvato sono stati diversi i riferimenti al mondo dell'edilizia in particolare alle detrazioni per la riqualificazione energetica e per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale che abbiamo visto,; inoltre, riferimenti al mondo delle infrastrutture (analizzate nel precedente aggiornamento) ed al mondo degli appalti, per terminare poi con i riferimenti agli impianti energetici.

Appalti pubblici
Nel corso dell'esame presso le Camere, sono state inserite disposizioni in materia di appalti pubblici finalizzate a:
• prevedere che, nelle ipotesi di subappalto, sia assicurata la pubblicità sui quotidiani cartacei più diffusi sul territorio nazionale e sui siti web;
• ridurre, da 45 a 30 giorni, il termine per l'emissione dei certificati di pagamento relativi agli acconti;
• prevedere, per le società organismi di attestazione (SOA), l'obbligo di sede in uno Stato membro dello Spazio economico europeo (SEE) che attribuisca all'attestazione la capacità di provare il requisito di qualificazione in capo all'esecutore di lavori pubblici;
• prevedere che gli incentivi previsti per le funzioni tecniche fanno capo al medesimo capitolo di spesa previsto per i singoli lavori, servizi e forniture.

Sono state, altresì, inserite disposizioni riguardanti le concessioni al fine di:
• ridurre, per i titolari di concessioni autostradali, al 60 per cento la quota dei contratti di lavori, servizi e forniture che i medesimi concessionari sono obbligati ad affidare mediante procedure ad evidenza pubblica;
• incrementare, per l'anno 2018, l'autorizzazione di spesa a favore della società Strada dei Parchi S.p.A. per l'esecuzione degli interventi di ripristino e messa in sicurezza sulla tratta autostradale A24 e A25 resi necessari in conseguenza degli eventi sismici del 2009, del 2016 e del 2017;
• modificare la recente disciplina volta a regolare l'affidamento della concessione autostradale concernente l'infrastruttura autostradale A22 Brennero-Modena relativamente alla quota che deve essere versata dal concessionario subentrante e alla data entro la quale devono essere stipulati gli atti convenzionali di concessione.

Energia
In materia di fonti rinnovabili, si proroga al 31 dicembre 2018 il termine entro il quale gli esercenti di impianti alimentati da biomasse, biogas e bioliquidi sostenibili cessano di beneficiare di incentivi sull'energia prodotta. Nel corso dell'esame parlamentare la disposizione è stata integrata nel senso che ai suddetti esercenti è riconosciuto il diritto a fruire degli incentivi per i cinque anni dal rientro in esercizio degli impianti, anziché fino al 31 dicembre 2021.
Si è inoltre intervenuti sulla disciplina dei controlli e delle sanzioni in materia di incentivi nel settore fotovoltaico, disponendo, in deroga alla disposizione che prevede la decadenza dagli incentivi, che il GSE disponga la decurtazione dell'incentivo in misura ricompresa fra il 20 per cento e l'80 per cento in ragione dell'entità della violazione. Nel caso in cui le violazioni siano spontaneamente denunciate dal soggetto responsabile al di fuori di un procedimento di verifica e controllo, le decurtazioni sono ulteriormente ridotte di un terzo.
E' stata altresì introdotta una proroga concernente gli incentivi di cui all'articolo 14, comma 11 del D.Lgs. n. 102/2014, per i progetti di efficienza energetica di grandi dimensioni, non inferiori a 35.000 TEP/anno, il cui periodo di riconoscimento dei certificati bianchi è terminato entro il 2014. La durata degli incentivi è ora prorogata al 31 dicembre 2018 (rispetto al 31 dicembre 2017), purché i progetti stessi siano concretamente avviati entro il 31 dicembre 2018 (rispetto al 31 dicembre 2017).

Riferimenti normativi:
LEGGE 27 dicembre 2017, n. 205

Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020.
(GU Serie Generale n.302 del 29-12-2017 - Suppl. Ordinario n. 62)
Entrata in vigore del provvedimento: 01/01/2018



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.camera.it