Norme tecniche per le Costruzioni 2018
APPROFONDIMENTO
La sostenibilità ambientale: le nuove frontiere dei termoisolanti
fonte: 
Angelo Boreale - Ing. Edile-Architetto
area: 
Edilizia
La sostenibilità ambientale: le nuove frontiere dei termoisolanti Negli ultimi anni la sensibilità verso il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale sta avendo un processo di mutamento; si rispetta l'ambiente con l'utilizzo di materiali ecocompatibili: riciclabili, recuperabili, biosostenibili, provenienti da fonti rinnovabili e locali.
In particolare, si analizzerà l'innovazione produttiva dei materiali termoisolanti.

Tra le novità del mercato si ritrovano i pannelli in fibra di legno, in lana di pecora, in canna palustre, in sughero, e quelli derivanti dal riciclaggio di bottiglie e di tessuti.
L'isolante in fibra di legno, biodegradabile e riciclato, viene realizzato attraverso l'utilizzo di legno derivante dalla pulitura dei boschi. Esse si ottengono mediante processi e trattamenti con appositi sfibratori. Le fibre vengono legate tra loro con l'utilizzo di collanti termoindurenti, questo processo conferisce al pannello buone caratteristiche meccaniche, ottima stabilità dimensionale e compattezza. La sua conducibilità termica risulta circa 0,038 W/m K.

L'isolante in lana di pecora risulta essere biodegradabile, rigenerabile e di origine naturale; la lana viene inizialmente sottoposta ad un lavaggio e successivamente a trattamenti antitarme dunque pressata e agugliata. La lana di pecora ha un alto potere igroscopico, termoisolante e traspirante. In particolare è in grado di assorbire una quantità di vapore acqueo pari al 33% del proprio peso e poi cederlo nell'ambiente. Questa capacità, non produce altrettante perdite di isolamento termico. La sua conducibilità termica si aggira intono ai 0,037 W/m K.

Un'altra tipologia di isolante rigenerabile risulta essere composta da canna palustre. Viene realizzato per mezzo di canne che vengono compresse e fatte essiccare nonché si realizzano i pannelli assemblandoli con fili di ferro. Una volta dismesso, separato dal filo di ferro, diventa totalmente biodegradabile, resistente e inodore. Ha buone capacità termoisolanti, è traspirante, favorisce la diffusione del vapore. La sua conducibilità termica si aggira intono ai 0,056 W/m K.

Infine risulta interessante anche la diffusione di isolanti di sughero. Il sughero è un prodotto ecologico al 100%. Esso viene inizialmente macinato e poi espanso in autoclave con vapore in modo che raggiunga un diametro di 3-12 mm. La resina del sughero, la suberina, serve da legante. Per le sue elevate capacità di insonorizzazione acustica e isolamento termico ha largo utilizzo nel mondo dell'edilizia. La sua conducibilità termica si aggira intono ai 0,040 W/m K. È rilevante anche l'utilizzo di isolanti derivanti da prodotti riciclati: bottiglie, tessuti.

Quindi prodotti caratterizzati da un ciclo di vita chiuso. I primi risultano derivanti da poliestere riciclato da bottiglie di PET. Il processo produttivo è cosi sintetizzabile: lavaggio, macinazione, cardatura e termolegatura. Tale processo produce pannelli con densità, peso e spessore variabili la cui conducibilità termica si aggira intono ai 0,036 W/m K.
I secondi iniziano a diffondersi nel comune di Prato: si realizzano isolanti derivanti da elementi totalmente riciclati, fibre tessili provenienti dagli scarti delle lavorazioni industriali. Le materie prime vengono sterilizzate e vengono lavorate senza l'uso di prodotti chimici. Ad esempio, con semplici indumenti quali un cappotto, due maglioni e due paia di jeans, è possibile ottenere un metro quadro di pannello isolante. La sua conducibilità termica risulta circa 0,036 W/m K.

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: