Edilizia
 DALL'EUROPA
Infrastrutture energetiche: in arrivo 800 milioni di euro
24 gennaio 2019
fonte: 
area: Edilizia
Infrastrutture energetiche: in arrivo 800 milioni di euro Dal sito della Commissione europea l'annuncio dell'approvazione il 23 gennaio, della Proposta di investimento di 800 milioni di euro in importanti progetti di infrastrutture energetiche europee con importanti benefici transfrontalieri. I finanziamenti dell'UE provengono dal Connecting Europe Facility (CEF), il programma di sostegno europeo per le infrastrutture transeuropee.

Gli obiettivi della Proposta
Spiega la Commissione che verrà data priorità ai progetti che aumentano la competitività, migliorano la sicurezza dell'approvvigionamento energetico dell'UE attraverso la promozione di operazioni di rete sicure, sicure ed efficienti e contribuiscono allo sviluppo sostenibile e alla protezione dell'ambiente. La creazione di una rete energetica moderna e connessa rappresenta un elemento cruciale dell'Unione dell'energia, una delle priorità politiche della Commissione Juncker.
Il commissario per l'Azione per il clima e l'energia, Miguel Arias Cañete, ha dichiarato: "Come elemento cruciale della nostra strategia globale in materia di energia e clima, dobbiamo garantire che le nostre infrastrutture energetiche siano sostenibili, orientate agli obiettivi e operative. Stiamo mantenendo la nostra promessa di allineare i finanziamenti dell'UE con la nostra ambizione politica di realizzare la transizione verso l'energia pulita. Continuiamo a investire nei giusti progetti di infrastrutture energetiche che sono essenziali per la transizione dell'energia pulita dell'UE e la sicurezza dell'approvvigionamento. Sono particolarmente soddisfatto del sostegno dato al progetto di sincronizzazione dell'elettricità del Baltico, che contribuirà a materializzare l'ambizione degli Stati baltici di integrare il loro sistema elettrico con l'Europa continentale e migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento nella regione baltica ".

I progetti finanziati
La proposta votata considera aiuti finanziari del CEF per studi e opere per un totale di 14 progetti: 7 per l'elettricità, 2 per le reti intelligenti, 2 per il trasporto transfrontaliero di CO2 e 3 per il gas. Il finanziamento CEF-Energia proposto ammonta a quasi 800 milioni di euro, mentre l'elettricità e le reti intelligenti ammontano a 504 milioni di euro, 9,3 milioni di euro a sostegno degli studi sullo sviluppo di un'infrastruttura di trasporto del CO2; e € 286 assegnati al settore del gas. L'attuale invito a presentare proposte (2018-2) è stato lanciato a giugno e chiuso l'11 ottobre 2018.
Nel settore dell'elettricità, una sovvenzione di 323 milioni di euro viene assegnata al progetto di sincronizzazione dell'elettricità del Baltico. Gli Stati baltici rimangono connessi in modo sincrono con il centro di spedizione centrale della Russia, ostacolandone la piena integrazione nei mercati dell'elettricità dell'UE. Il progetto mira ad aumentare la sicurezza dell'approvvigionamento e dell'affidabilità dei sistemi di alimentazione nella regione attraverso la loro connessione sincrona alla rete continentale europea (CEN). Nel giugno 2018, i leader dell'UE hanno concordato la roadmap politica per il completamento della sincronizzazione.
Sulle reti intelligenti, è stato approvato il sostegno per il progetto ACON SG per modernizzare e migliorare la rete elettrica tra la Repubblica ceca e la Repubblica slovacca. La sovvenzione di 91 milioni di euro contribuirà ora alla creazione di reti intelligenti nella regione di confine.
Inoltre, un finanziamento di 6,5 milioni di euro sarà destinato a uno studio sullo sviluppo di un'infrastruttura di CO2 nel porto di Rotterdam. L'obiettivo è quello di stabilire una rete di anidride carbonica ad accesso aperto, transfrontaliero nell'Europa nordoccidentale, con il suo nucleo centrale situato nel porto di Rotterdam.
Infine, nel settore del gas, il CEF sosterrà, con quasi 215 milioni di euro, il progetto Baltic Pipe, una nuova interconnessione di gas offshore bidirezionale tra la Polonia e la Danimarca. Questo gasdotto sarà cruciale per la sicurezza dell'approvvigionamento e l'integrazione del mercato della regione.

Il CEF
Il CEF prevede un budget totale di 5,35 miliardi di euro per le infrastrutture energetiche transeuropee per il periodo 2014-2020. Per poter beneficiare di una sovvenzione, una proposta deve essere "un progetto di interesse comune" (PCI). Una volta completati, i progetti genereranno vantaggi significativi per almeno due Stati membri, miglioreranno la sicurezza dell'approvvigionamento, contribuiranno all'integrazione del mercato e miglioreranno la concorrenza, oltre a ridurre le emissioni di CO2.
L'elenco di progetti di interesse comune a livello dell'Unione viene aggiornato ogni due anni. L'ultimo elenco PCI è stato pubblicato dalla Commissione nel novembre 2017. Il CEF-Energy ha già assegnato 647 milioni di euro a 34 progetti nel 2014, 366 milioni di euro a 35 progetti nel 2015, 707 milioni di euro a 27 progetti nel 2016 e 873 milioni di euro a 17 progetti nel 2017.
Nel prossimo bilancio UE a lungo termine 2021-2027, la Commissione europea ha proposto di rinnovare il meccanismo per collegare l'Europa, destinando 42,3 miliardi di euro a sostegno degli investimenti nelle reti infrastrutturali europee, di cui 8,7 miliardi di euro per l'energia.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito europa.eu 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!