DAL MONDO UNI

Infrastrutture Critiche: verso una prassi di riferimento

11 aprile 2013
Redazione Insic

La Giunta Esecutiva dell'UNI ha approvato l'avvio dei lavori di elaborazione di un progetto nuovo di prassi di riferimento (UNI/PdR) relativa all'elaborazione di un sistema di gestione della resilienza a tutela delle Infrastrutture Critiche Nazionali ed Europee (ECI), in collaborazione con AIPSA - l'Associazione Italiana Professionisti Security Aziendale.

La prassi di riferimento sarà elaborata con l'obiettivo di definire un modello a supporto di un sistema nazionale di designazione e tutela delle Infrastrutture Critiche Nazionali ed Europee, al fine di garantire livelli minimi di tutela a garanzia della tenuta delle infrastrutture il cui danneggiamento o la cui distruzione avrebbe ripercussioni sulla salute, la sicurezza e il benessere dei cittadini o sul funzionamento del sistema Paese. Tra queste ritroviamo le reti energetiche e di comunicazione, le linee e i terminali di trasporto, il sistema sanitario, i circuiti finanziari, le reti a supporto delle amministrazioni pubbliche, quelle per la gestione delle emergenze.

Si ricorda che le prassi di rifermento sono documenti che introducono prescrizioni tecniche o modelli applicativi settoriali di norme tecniche, elaborati sulla base di un rapido (al massimo 8 mesi dall'approvazione della richiesta) processo di condivisione ristretta ai soli autori, verificata l'assenza di norme o progetti di norma allo studio sullo stesso argomento; costituiscono una tipologia di documento para-normativo nazionale che va nella direzione auspicata di trasferimento dell'innovazione e di preparazione dei contesti di sviluppo per le future attività di normazione, fornendo una risposta tempestiva ai mercati in cambiamento.

I lavori sul progetto di prassi di riferimento saranno avviati il 22 aprile 2013 a Milano tramite la riunione insediativa del Tavolo "Tutela delle Infrastrutture Critiche" costituito da esperti di AIPSA e del sistema UNI.

AIPSA nasce dalla volontà di un gruppo di security manager, costituendosi ufficialmente l'11 maggio 1990 con lo scopo di valorizzare l'ordinamento professionale, formare e aggiornare gli associati, diffondere la cultura della security e approfondire lo studio delle sue problematiche di ordine tecnico, funzionale, giuridico e legislativo.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.uni.com