APPROFONDIMENTO

Idoneità professionale di imprese e lavoratori autonomi in appalto

19 aprile 2016
Redazione InSic

Con l'entrata in vigore dell'art. 26, comma 1, lett.a) del D.lgs. n. 81/2008 s.m.e.i, si è assistito ad una predeterminazione delle modalità di effettuazione della verifica dell'idoneità tecnico - professionale delle imprese appaltatrici e dei lavoratori autonomi, in relazione ai lavori che vengono dedotti in contratto, diversamente da quando avveniva in passato, quando invece era rimessa interamente alla discrezionalità del committente-datore di lavoro la verifica dei suddetti requisiti.
Nell'articolo che segue, a firma del dott. Gennaro Iacovelli, analizziamo l'articolo facendo il punto sulla documentazione richiesta ai fini di meglio rafforzare la tutela delle condizioni di salute e sicurezza del lavoro, intervenendo a monte delle attività produttive, imponendo al committente un obbligo di selezione di soggetti affidabili. In analisi anche l'articolo 27 sul sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi.



Allegati

La verifica dell'idoneità tecnico-professionale delle imprese e lavoratori autonomi in regime di appalto - G. Iacovelli - InSic.it aprile 2016
- Iacovelli_aprile_2016.pdf (583 kB)

Potrebbe interessarti anche

Qualificazione e idoneità per i lavori elettrici: il nuovo Corso Informa
Impresa affidataria: obbligo di verifica dell'idoneità tecnica in materia di sicurezza