MONDO ENERGIA

Fondo nazionale efficienza energetica: un decreto avvia il suo funzionamento

8 marzo 2018
Redazione Banca Dati Sicuromnia

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 6 marzo 2018 il decreto attuativo 22 dicembre 2017 che indica le modalità di funzionamento del recente Fondo Nazionale per l'efficienza energetica, istituito presso il Ministero dello sviluppo economico dall'art. 15, comma 1, del decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102. Il decreto regola anche l'articolazione per sezioni del Fondo e le relative prime dotazioni: esso è finalizzato a favorire il finanziamento di interventi necessari per il raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica (art. 1 del DM 22/12/2017).

Origine e funzione del Fondo
Si spiega sul sito del Ministero dello sviluppo Economico che il Fondo sostiene gli interventi di efficienza energetica realizzati dalle imprese e dalla Pubblica Amministrazione su immobili, impianti e processi produttivi. Nello specifico:
•la riduzione dei consumi di energia nei processi industriali
•la realizzazione e l'ampliamento di reti per il teleriscaldamento
•l'efficientamento di servizi ed infrastrutture pubbliche, inclusa l'illuminazione pubblica
•la riqualificazione energetica degli edifici.
Per l'avvio della fase operativa, il Fondo potrà contare su 150 milioni di euro già resi disponibili dal Ministero dello Sviluppo economico, che destinerà anche ulteriori 100 milioni di euro nel triennio 2018-2020. Il Fondo sarà, inoltre, alimentato con le risorse messe a disposizione dal Ministero dell'Ambiente. Con i 150 milioni già disponibili si stima una mobilitazione di investimenti nel settore dell'efficienza di oltre 800 milioni di euro.

Il Decreto e le articolazioni del Fondo
Dopo l'evidenziazione delle finalità del fondo (art.1) e delle definizioni (art.2), si specifica che la gestione del Fondo viene affidata ad INVITALIA, sulla base di apposita convenzione con il Ministero dello sviluppo economico e con il Ministero dell'ambiente (con convenzione da stiupulare entro 60 giorni dall'entrata in vigore)
Importante poi l'articolazione del fondo (art.5): una sezione per la concessione di garanzie su singole operazioni di finanziamento, cui è destinato il 30% delle risorse che annualmente confluiscono nel Fondo; una sezione per l'erogazione di finanziamenti a tasso agevolato cui è destinato il 70% delle risorse che annualmente confluiscono nel Fondo.
Le agevolazioni (art.6) possono essere concesse alle imprese di tutti i settori, in forma singola o in forma aggregata o associata, ferme restando le esclusioni e limitazioni previste dal Regolamento GBER, articoli 1 e 3 e dal Regolamento de Minimis, art. 1, per la realizzazione di progetti di investimento di cui all'art. 7.:
-di miglioramento dell'efficienza energetica dei processi e dei servizi, ivi inclusi gli edifici in cui viene esercitata l'attività economica;
-di installazione o potenziamento di reti o impianti per il teleriscaldamento e per il teleraffrescamento efficienti;

Per le ESCO sono agevolabili interventi
di miglioramento dell'efficienza energetica dei servizi e/o delle infrastrutture pubbliche, compresa l'illuminazione pubblica;
-di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici destinati ad uso residenziale, con particolare riguardo all'edilizia popolare;
-di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici di proprietà della Pubblica amministrazione.
Si veda poi la forma delle agevolazioni (art.8 cita agevolazione di garanzia e di finanziamento agevolato) e la intensità (art.8) nei limiti e alle condizioni previste dall'art. 38 del regolamento GBER, oltre alle ipotesi di cumulabilità con agevolazioni contributive o finanziarie previste da altre normative comunitarie, nazionali e regionali (art.10) e con gli incentivi di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 11 gennaio 2017 concernente l'aggiornamento delle linee guida per il meccanismo dei Certificati bianchi.

Agevolazioni: dalla domanda all'istruttoria
Il Capo III (art. 11-16) del Decreto riguarda invece le agevolazioni che possono essere concesse alle Pubbliche amministrazioni, in forma singola o in forma aggregata o associata in base a tipologia, forma, intensità e cumulabilità.
L'art. 17 regola la modalità di presentazione della domanda: presentazione per via telematica, prima della data di inizio dei lavori, della domanda redatta, a pena di esclusione, secondo gli schemi, le modalità e gli ulteriori parametri economico-finanziari e requisiti minimi di accesso, proposti da INVITALIA entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del decreto. All'art. 18 la istruttoria conseguente ai finid ella concessione dell'agevolazione e le modalità di fruizione delle agevolazioni di cui all'art.5
Segue poi in art. 20 gli adempimenti da compiere da parte dei beneficiari degli investimenti: dalla comunicazione ad INVITALIA dell'avvenuto inizio dei lavori, specificandone la data e allegando copia del verbale di consegna lavori o della denuncia di inizio attività, al successivo avvio entro 12 mesi dal provvedimento di ammissione al beneficio, con coclusione non oltre i successivi 36 mesi, salvo richiesta di proroga motivata ed accordata da INVITALIA.
Quest'ultima deve essere coinvolta nelle eventuali variazioni di progetto e variazione di titolarità (art. 21) e nei casi di revoca e decadenza (art.22).
É sempre poi INVITALIA a curare l'effettuazione di verifiche, controlli e ispezioni (art.23) attraverso sia di controlli documentali sia di controlli in situ, o sopralluoghi, al fine di accertarne la regolarità di realizzazione, il funzionamento e la sussistenza o la permanenza dei presupposti e dei requisiti, oggettivi e soggettivi, per la fruizione e il mantenimento delle agevolazioni, sulla base di un programma annuale, di cui fornisce comunicazione alla Cabina di regia. Cura anche il Monitoraggio e la divulgazione dei risultati consentire una valutazione di efficacia dell'utilizzo delle risorse del Fondo (art.24)
Prevista all'art. 25, la possibilità di aggiornare con decreto MISE-MinAmb-Mef il riparto delle risorse e la forma e l'intensità delle agevolazioni.

Riferimenti normativi:
MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 22 dicembre 2017 Modalità di funzionamento del Fondo nazionale per l'efficienza energetica.
(GU n.54 del 6-3-2018)

Per saperne di più

EPC Editore propone il Volume
L'efficienza energetica nella P.A. e nelle imprese
Procedure, pianificazione, certificazione, incentivi e tecnologie per il risparmio energetico
Premessa di Francesco Sperandini Presidente e Amministratore Delegato del Gestore dei Servizi Energetici - GSE S.p.A.
Edizione: giugno 2017
EPC Editore



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.sviluppoeconomico.gov.it 

Potrebbe interessarti anche

Efficienza energetica: pubblicato il Piano nazionale-PAEE 2017
Efficienza energetica: nuove modifiche al D.Lgs. n.102/2014