FINANZIAMENTI

Edilizia scolastica: stanziati 480 milioni dal Governo

2 maggio 2016
Redazione InSic

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha firmato il 27 aprile, il Dpcm sui 480 milioni per l'edilizia scolastica.
Il testo del decreto, riportato anche sul sito del Governo (ma non ancora in Gazzetta) riporta all'articolo 2 come destinatari i Comuni, le Province e le Città metropolitane beneficiarie per interventi di edilizia scolastica per l'anno 2016 (sono individuati nell'Allegato D).

I destinatari saranno tenuti al monitoraggio degli interventi secondo il decreto legislativo 29 dicembre 2011, n. 229. La Struttura di missione comunicherà, le modalità e le tempistiche aggiuntive per la trasmissione alla Struttura stessa dello stato di avanzamento dei lavori e della spesa.

Gli enti locali beneficiari dovranno provvedere all'aggiornamento dell'Anagrafe nazionale e regionale dell'edilizia scolastica relativamente agli edifici scolastici oggetto degli interventi effettuati grazie alla concessione di spazi finanziari. L'aggiornamento dovrà essere comunicato secondo le modalità e le tempistiche che la Struttura di missione indicherà agli enti beneficiari.

La Struttura di missione, si specifica all'articolo 4, potrà procedere alla perequazione orizzontale degli spazi finanziari, tra gli enti locali individuati all'Allegato D attraverso uno o più ulteriori decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, e comunicherà agli enti locali interessati le modalità e le tempistiche attraverso le quali procedere alla perequazione orizzontale degli spazi finanziari.

In allegato l'elenco dei Comuni beneficiari



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.governo.it 

Potrebbe interessarti anche

Edilizia scolastica, cosa prevede la Legge di Stabilità
Accordo cdp-bei: nuove risorse per l'edilizia scolastica
Mutui BEI: dal Mise nuovi interventi per risanare e rinnovare l'edilizia scolastica
Nel masterplan per il Mezzogiorno anche interventi per l'edilizia scolastica
Legge stabilità 2016: le misure per l'edilizia scolastica escluse dal pareggio di bilancio