FINANZIAMENTI

Edifici scolastici: con Delibera il CIPE stanzia i 400 milioni

25 settembre 2014
Redazione InSic

In Gazzetta Ufficiale (n. 222 del 24-9-2014) è stata pubblicata la Delibera CIPE n.22 del 30 giugno 2014 che prevede Misure di riqualificazione e messa in sicurezza degli edifici scolastici.
Il CIPE assegna 400 milioni di euro per l'anno 2015 ( a valere sul FSC 2007-2013) a favore del Ministero dell'istruzione, università e ricerca per interventi di riqualificazione e messa in sicurezza delle istituzioni scolastiche statali sugli edifici scolastici indicati nelle graduatorie riportate in allegato alla Delibera.

I destinatari delle risorse
Le graduatorie regionali sono state approvate dalle regioni entro il 15 ottobre 2013 coerentemente con la ripartizione delle risorse su base regionale di cui all'allegato 2 alla Delibera.
Il finanziamento sarà erogato secondo modalità temporali compatibili con i vincoli di finanza pubblica correlati all'utilizzo delle risorse FSC. Le quote di cofinanziamento riferite ai singoli interventi, saranno assegnate direttamente con decreto del Miur a favore delle scuole individuate come destinatarie degli interventi edilizi. Questi ultimi dovranno essere attivati entro 30 giorni dalla ricezione dell'avviso di finanziamento.

Assegnazione delle risorse
L'assegnazione delle risorse, come previsto dall'art. 18, comma 8-quater, del Decreto del Fare (DL n.69/2013), autorizza gli Enti locali ad avviare le procedure di gara con pubblicazione delle medesime, ovvero le procedure di affidamento dei lavori.
Sempre in base all'art. 18, comma 8-ter, del DL del Fare, Sindaci e i Presidenti delle province interessati continuano ad operare, in qualità di commissari governativi, con poteri derogatori rispetto alla normativa vigente, come definiti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 22 gennaio 2014,
Il CIPE specifica anche che il mancato affidamento dei lavori entro il 31 dicembre 2014 comporta la revoca dei finanziamenti, che verranno riassegnate con decreto del Ministero dell'istruzione. Il MIUR monitorerà i singoli interventi, attraverso l'alimentazione delle schede relative a ciascuno di essi all'interno della Banca dati unitaria (BDU)

Interventi realizzabili
Le risorse sono dedicate al cofinanziamento, in misura non superiore al 50% dell'importo complessivo di ciascuna opera attivata, di interventi relativi ad immobili di proprietà dei competenti Enti locali adibiti a sede di istituzioni scolastiche statali e sono finalizzate, in particolare, alla bonifica dell'amianto o ad adeguare la sicurezza o l'idoneità igienico-sanitaria o al superamento delle barriere architettoniche per il conseguimento del certificato di agibilità o al completamento della messa a norma in materia di sicurezza, con interventi urgenti ed indifferibili.

Riferimenti normativi:
DELIBERA CIPE del 30 giugno 2014
Misure di riqualificazione e messa in sicurezza degli edifici pubblici, sedi di istituzioni scolastiche statali. (Delibera n. 22/2014).
(GU Serie Generale n. 222 del 24-9-2014)

Per saperne di più:
Piano di Edilizia scolastica - MIUR



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 

Potrebbe interessarti anche

Edilizia scolastica: le spese dei Comuni fuori dal saldo finanziario
Edilizia scolastica: il piano del Governo Renzi
Edilizia scolastica: dal Governo Renzi 36 milioni
Piano Edilizia scolastica: assegnato il 96% delle risorse
Edilizia scolastica: siglato l'accordo per il Sistema nazionale delle Anagrafi (Snaes)