EVENTO

Concorso #Scuoleinnovative: a confronto esperti e istituzioni

7 giugno 2016
Redazione InSic

Domani, 8 giugno dalle ore 9 alle 18, presso la Casa dell'Architettura di Roma, piazza Manfredo Fanti, 47 di terrà una giornata di incontri, lavori e dibattiti tra esperti del settore dell'edilizia scolastica: a confronto le esperienze, le best practices nel settore ed il concorso #Scuoleinnovative per la realizzazione di 52 scuole del futuro.

Presenti anche rappresentanti del Governo e delle Istituzioni: i lavori saranno aperti dal Sottosegretario all'Istruzione, On. Davide Faraone e moderati da Laura Galimberti, coordinatrice della Struttura di Missione per l'Edilizia Scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Le relazioni introduttive saranno affidate a Paola Iandolo, Dirigente della Direzione generale per gli interventi di edilizia scolastica del MIUR e RUP del concorso #Scuoleinnovative, a Giuseppe Lucibello, Direttore generale di INAIL e a Patrizia Colletta, Consigliere dell'Ordine degli Architetti di Roma e Provincia.
Sono poi previsti i contributi di Giuseppe Capocchin, Presidente Consiglio Nazionale degli Architetti e Alessandro Ridolfi, Presidente Ordine degli Architetti di Roma e Provincia. Per INDIRE interverrà Samuele Borri. Molti altri i nomi in programma.


E proprio #Scuoleinnovative sarà al centro del dibattito: è stato infatti lanciato un bando di idee per architetti e ingegneri per la realizzazione di 52 scuole sostenibili con uno stanziamento di 350 milioni di euro (vedi il nostro aggiornamento).
Ora ci si confronterà su come sarà la forma della scuola del futuro e su come dovranno essere costruite le prime 52 scuole che sorgeranno in tutta Italia, da Nord a Sud e che sono delle apripista per un nuovo modello di edilizia scolastica.

La prima sessione "Edilizia Scolastica: architettura e progetto" si confronterà sugli aspetti della progettazione architettonica innovativa e sulla pedagogia. Protagonisti del pomeriggio saranno invece i rappresentanti delle buone pratiche con esempi concreti e casi di studio.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito italiasicura.governo.it