INFRASTRUTTURE

Completamento opere pubbliche: convertito in legge il DL 73/2014

26 giugno 2014
Redazione InSic

In Gazzetta ufficiale la Legge 97/2014 del 2 luglio 2014 (GU n.59 del 11-7-2014) di conversione del DL 12 maggio 2014, n. 73, recante misure urgenti di proroga di Commissari per il completamento di opere pubbliche. Ecco il quadro delle proroghe ai commissariamenti previsti epr diverse opere pubbliche, anticipate nel giugno scorso da un dossier della Camera


È stato definitivamente approvato in Senato, il 24 giugno scorso il DL 73/2014 che riporta "Misure urgenti di proroga di Commissari per il completamento di opere pubbliche": sul sito della Camera si fa il punto sulle modifiche introdotte nel cammino di conversione, indicando i prolungamenti delle gestioni commissariali e delle relative ordinanze.

In base a quanto trascritto:
-Art. 1 differita al 31 dicembre 2016 la durata della gestione commissariale istituita per fronteggiare le condizioni di emergenza connesse alla vulnerabilità sismica della "Galleria Pavoncelli" (comma 1). Al Commissario straordinario è stata anche affidata la titolarità dei lavori della "Galleria Pavoncelli Bis", opera rientrante nel programma delle infrastrutture strategiche di cui alla "legge obiettivo".
- Art. 2 differito al 31 dicembre 2016 la gestione commissariale finalizzata alla definitiva chiusura degli interventi infrastrutturali nei comuni delle regioni Campania, Basilicata, Puglia e Calabria colpiti dagli eventi sismici degli anni 80 e per il completamento dell'asse stradale Lioni-Grottaminarda rientrante nel programma delle infrastrutture strategiche.
- Art. 3 fino al 30 novembre 2014 permane la gestione commissariale (e i suoi provvedimenti) degli impianti di collettamento e depurazione di Acerra, Marcianise, Napoli Nord, Foce Regi Lagni, Cuma e dell'impianto di grigliatura e derivazione di Succivo, nella Regione Campania, con la precisazione che la realizzazione dei citati impianti avvenga nel rispetto delle normative nazionali e dell'Unione europea in materia di gestione delle acque reflue e dei rifiuti (comma 1-ter).
- Art. 3 bis (introdotto in Senato) proroga al 31 dicembre 2014 il termine fino al quale continuano a produrre effetti le ordinanze di protezione civile adottate per la prosecuzione dei compiti finalizzati alla rimozione del relitto della nave Costa Concordia dal territorio dell'isola del Giglio, e l'istituzione dell'Osservatorio di monitoraggio delle operazioni connesse al progetto di rimozione e recupero. Il Commissario delegato è ora il Capo del Dipartimento della Protezione Civile; gli oneri a disposizione sono 5 milioni di euro.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.camera.it